histats.com
venerdì, Ottobre 7, 2022
HomeInfermieriDuccio, Infermiere: Governo ci tradisce, la gente ci aggredisce. Perchè dovrei entrare...

Duccio, Infermiere: Governo ci tradisce, la gente ci aggredisce. Perchè dovrei entrare in quella tuta?

Pubblicità

Duccio, Infermiere, pone una riflessione pesante: Se il Governo ci tradisce e la gente ci aggredisce, perchè dovrei entrare in quella tuta ogni santo giorno?

Duccio (nome di fantasia) è un infermiere toscano che ci ha contattati per proporre uno sfogo e un ragionamento.

Ecco le sue parole.

“Cari AssoCareNews.it,

vi scrivo perchè spero possiate accogliere questa mia pesante riflessione.

Mi chiamo * ho 28 anni e lavoro da marzo presso l’ospedale di *.

Ho sempre amato questo lavoro, anche mentre in libera professione lavoravo schiavo dello studio associato in una RSA schifosa (che ora guarda caso è commissariata).

Seguo abbastanza spesso la cronaca infermieristica e quel che sta accadendo circa il dietro front del Governo sull’indennità infermieristica mi rattrista e mi fa dire: Perchè lo facciamo?

La mia vuol essere una provocazione, ma se il Governo ci tradisce così e la gente ci aggredisce picchiandoci, cavandoci gli occhi o massacrandoci, perchè dovrei entrare in quella tuta ogni giorno?

Fare l’infermiere non è solo un lavoro ma la situazione ci sta portando a questo, al disinnamoramento totale.

La passione va alimentata e siamo messo in condizioni penose.

Le istituzioni cadono sempre più nel ridicolo e tutti noi dobbiamo sentirci infermieri proteggendo quello che dentro sentiamo, perchè fuori brancoliamo in una demoralizzante tempesta.

Questo è come siamo messi. Ci spetterebbe di più credo.

Grazie se vorrete pubblicarmi, in realtà non porto risposte ma solo un pò di critica allo status quo”.

Comitato di Redazione
Servizio Redazionale.
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394