Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Le Aziende Servizi alla Persona stanno compiendo il miracolo. Infermieri, OSS, Medici, Fisioterapisti e Animatori al servizio di anziani fragili, disabili e grandi geriatrici.

Carissimo Direttore,

le Aziende Servizi alla Persona (ASP) sono Enti pubblici che gestiscono a livello nazionale diverse tipologie di strutture sanitarie e socio-sanitarie. Un po’ ovunque si occupano di assistere in forma diurna o residenziali quei pazienti cronici con patologie altamente invalidanti riguardanti il sistema nervoso, le demenze e i danni da anossia. Ovviamente si occupano anche di grandi anziani. Nelle ASP le misure adottate finora a livello nazionale sono impeccabili.

Infermieri e OSS, con l’appoggio dei Medici di Famiglia, dei Fisioterapisti e degli Animatori, stanno compiendo un vero e proprio miracolo, nonostante la complessità della gestione delle singole strutture e degli stessi pazienti, affetti spesso da poli-patologie.

Le misure adottate sono simili un po’ ovunque:

  • centri diurni chiusi;
  • strutture sigillate;
  • entrano ed escono solo gli operatori della singola struttura;
  • controlli della TC a operatori e pazienti (se presentano segni e sintomi);
  • utilizzo dei DPI (purtroppo si utilizzano le mascherine chirurgiche, quelle FFP2 e FFp3 sono introvabili);
  • utilizzo di ferie e recuperi ore per gli operatori sotto stress o inpanicati;
  • utilizzo continuo del gel idroalcolico o lavaggio sociale delle mani;
  • distanziamento dei pazienti (almeno 1 – 1,5 m tra loro);
  • santificazione continua degli ambienti e delle superfici;
  • segnalazione di ogni minimo segno e sintomo di possibile COVID-19;
  • stop alla promiscuità tra nuclei e reparti (sia di operatori, sia di pazienti);
  • riduzione al minimo delle possibilità di contatto tra i pazienti e tra operatori.

E’ anche questa una parte della Sanità che combatte giorno dopo giorno contro il Coronavirus. Lo fa in grande silenzio, anche nel rispetto degli assistiti. Non si pronunciano sui sociale, lavorano quotidianamente dalla parte di chi sta male e spesso non è più in grado di capire cosa accade all’esterno della “casa”.

Una Infermiera “aspina”