Amministrativa ULSS veneta: qui ci trattano come schiavi, altro che eccellenza sanitaria.

Egr. Direttore di AssoCareNews.it,

anch’io come questa collega ormai ex-Infermiera mi trovo in una pessima situazione dopo quasi 40 anni di lavoro in una Ulss pubblica come Amministrativa. Dopo 7 concorsi per passare di livello non sono mai giunta da nessuna parte. I concorsi erano praticamente preparati e mirati per alcuni dipendenti “lecchini”.

Non sono mai passata di livello o di fascia dopo tutti questi anni. Sono l’unica a fare il lavoro di segreteria, mai sostituita da altro personale, osteggiata per le ferie, mai una malattia, con da fame e costretta a fronteggiare un clima ambientale ostile. Non c’è comunicazione né con il personale sanitario, né con il coordinatore.

Sono solo un NUMERO da sfruttare con la mia età ormai prossima ai 60!

Si comunica solo attraverso via e-mail. Questo è l’ambiente delle Ulss Venete, considerato dai governatori ECCELLENZE!!!

Non sanno però come funziona l’interno dell’ambiente e mi fa ridere quando fanno compilare al dipendente “questionario sul clima organizzativo” e funziona sempre peggio.

Grazie per lo spazio che mi darete.

Gabriella D.B., Amministrativa

* * *

Carissima Gabriella,

ci spiace per quanto ti capita, hai fatto bene a sfogarti. Purtroppo quello che scrivi è tipico di tante altre realtà sanitarie pubbliche e private. Continua a lottare e non ti arrendere e perché no chiedi l’attivazione del supporto psicologico aziendale. Facci sapere.

Angelo Riky Del Vecchio, Direttore quotidiano sanitario AssoCareNews.it

Potrebbe interessarti...