La Chirurgia bariatrica: un percorso assistenziale oltre l’Ospedale!

Chirurgia bariatrica: una soluzione complessa!
Chirurgia bariatrica: una soluzione complessa!

La chirurgia bariatrica si occupa degli interventi sui soggetti obesi. L’obesità non è un semplice inestetismo ma causa malattie gravi o comorbilità pericolose. È un fattore di rischio, accertato, per molte malattie, dal sistema cardio-circolatorio a quello muscoloscheletrico. Come fare per affrontare il problema?

È stato chiesto in una intervista di www.unavitasumisura.it allo staff del C.I.B.O. (Centro Interdisciplinare Bariatria Obesità) diretto dal dottor Formiga. Proprio lui illustra il percorso duro e insidioso che un paziente deve affrontare per arrivare all’intervento. In primis la richiesta viene valutata da una psicologa che deve capire se il soggetto ha un reale interesse a migliorare la situazione in quel preciso momento della sua vita e se ha già gli strumenti per passare al secondo passaggio. La dietista che imposta un regime alimentare per portare la persona ad essere operata con meno rischi possibili. Nel contempo si prenotano le sale per agevolare la terza fase del percorso, l’intervento vero e proprio.

Ci sono due metodi d’intervento. Uno è restrittivo cioè che riduce la capacità contenitiva e ne fanno parte il bendaggio gastrico e lo Sleeve Gastrectomy entrambi eseguiti in laparoscopia. Il primo stringe meccanicamente il secondo prevede la resezione di gastrica. L’altro è detto malassorbitivo e il nome ci suggerisce immediatamente il funzionamento; esempio classico è Diversione Bilio Pancreatica secondo Scopinaro.

Abbondante letteratura dimostra questo che gli interventi malassorbitivi sono protettivi sul Diabete di II. Esistono, anche, dei metodi misti come il bypass gastrico. La tecnologia ha fatto dei passi da gigante anche in questi settori della chirurgia permettendo l’installazione di endobarrier tra piloro e duodeno e la tecnica “Overstich” che confeziona un tubulo gastrico senza effettuare amputazioni d’organo.

Il paziente, specialmente se è giovane, tende a volere conservare l’integrità fisica. Esistono, infine, misure ancora meno invasive. Allurion Elispe che viene digerito come una pillola, essendo radiopaco si monitora facilmente e quando raggiunge la posizione attesa si gonfia sganciandolo e lasciandolo in situ. Il palloncino incomincia a degradarsi dopo il quarto mese e verrà finalmente espulso con le feci. È un intervento ripetibile ma ancora poco diffuso perché non rientra nel piano del SSN quindi interamente a carico dell’utenza. L’ultima figura è sicuramente la più importante. L’infermiere di famiglia che segue il paziente per tutto il percorso e permette la dimissione precoce in sicurezza perché garantisce la continuità assistenziale ad alti livelli. Incentiva i follow up ed è sempre presente per richieste e chiarimenti. Un angelo custode di questi pazienti, così complessi.

Nel nostro caso a rispondere alle domande è stato Ugo Di Meo indispensabile infermiere che conosce bene il dottor Formiga. È stato suo strumentista per molto tempo prima di partire per le missioni in Africa. Tornato, con la sua pluriennale esperienza, grazie anche la collaborazione de “Il tuo infermiere… di famiglia”, ha aperto un ambulatorio infermieristico che, tra gli altri servizi offerti, ha creato un vero proprio percorso bariatrico-chirurgico. La continua ricerca e le vivaci collaborazioni stanno portando all’apertura verso il mondo dell’obesità infantile e di quella secondaria al diabete I. Molto spesso siamo noi a fare la differenza soprattutto in viaggi così lunghi nel mondo della sanità. Siamo il collegamento e il volano del SSN, l’anima che tesse in silenzio la rete di solidarietà e assistenza che migliora quotidianamente la vita delle persone vicine.

Sitografia

  1. Obesitàhttp://www.obesitaandreaformiga.com/2018/06/04/alurion-elipse-palloncino-la-perdita-peso/
  2. Università su misurahttp://www.unavitasumisura.it/endobarrier-una-nuova-procedura-endoscopica-per-ridurre-il-peso-e-peril-trattamento-del-diabete-di-tipo-2/
  3. Milano Obesity Centerhttp://www.milanobesitycenter.it/overstitch

Potrebbe interessarti...