histats.com
mercoledì, Ottobre 20, 2021
Pubblicità
HomeIn evidenzaSe l'alternativa è No Vax, la Scienza non compete con niente ma...

Se l’alternativa è No Vax, la Scienza non compete con niente ma l’umanità ne esce sconfitta.

Se l’alternativa è No Vax, la Scienza non compete con niente. L’umanità però ne esce sconfitta senza possibilità di appello.

L’epidemia, il distanziamento, i bollettini spaventosi, i lockdown ed i coprifuoco, le mascherine ovunque, i tamponi, i vaccini: se l’alternativa a tutto questo è l’ideologia no vax abbiamo un serio problema.

Non che l’elenco di apertura sia particolarmente gradiente o simpatico, tutt’altro questi ultimi 18 mesi sono stati invadenti e condizionanti per ciascuno di noi.

Ma se la reazione alla paura è l’incoerenza travestita da verità, allora qualcosa non funziona.

Si scrive No Vax, si legge incoerenza.

L’ideologia no vax contro una supposta politica governata dalle lobby è semplice e lineare.

Lo deve essere, del resto, per essere assimilata proprio da tutti. Più è facile la logica del ragionamento, più il ragionamento ha senso. Ed un ragionamento che ha senso deve essere per forza giusto, non trovate?

(Se i piedi umani hanno la pianta piana allora la terra deve essere piatta, in caso contrario avremmo i piedi curvi sennò non aderiremmo al suolo. Elementare Watson!)

Anche volendo però approfondire i contenuti portati in piazza, si legge una forte incoerenza e una forte ignoranza storica di fondo. Basterebbe forse fermarsi a ragionare, ma la parola chiave che infiamma inesorabilmente i cuori è sempre e solo “lotta”.

Si lotta contro le Big Pharma (le grandi case farmaceutiche) ma non si comprende che non vaccinandosi si va incontro a trattamenti sanitari ben più remunerativi per questi colossi.

Si lotta contro i doveri verso la salute pubblica ma senza accorgersi che nascono dai diritti di cui ogni cittadino gode circa la propria salute.

E infine si lotta contro la “dittatura sanitaria” evocando lo stato di diritto ma non ci accorgiamo che l’imposizione violenta dell’idea no vax è un comportamento estremista e dittatoriale.

Inoltre se si trattasse di una dittatura reale probabilmente i primi 50-100 che fossero scesi in piazza sarebbero stati presi, picchiati e gli sarebbero state iniettate sostanze nocive e urticanti per poi essere rilasciati morenti in pubblica piazza. Altri sarebbero stati “prelevati” di notte e fatti sparire.

Succede questo, nelle dittature.

Gregge e pecore.

La massima filosofica più arguta che si possa sentire è la teoria per la quale il nome “immunità di gregge” derivi dal fatto che chi si vaccina è una pecora su cui dispone senza remore il pastore (il governo, supponiamo).

Come rispondere a questo?

In realtà di risposte non ce n’è bisogno. Questo movimento asincrono e disorientato vede emergere tanti signorotti imbellettati che hanno colto l’occasione per salire su palchi improvvisati e accendere un microfono.

E’ triste vedere una parte (piccola) dell’umanità accaldarsi così tanto per venditori di fumo, funamboli dell’eloquio demagogico, furbetti dell’ars oratoria finalizzata ad esasperare l’emotività di piazze semipiene o semivuote.

Probabilmente se avessimo maggiormente investito sulla cultura e sullo sviluppo del senso civico e delle qualità umane in generale, oggi nessuno cadrebbe nelle tele di coloro che inneggiano all’indottrinamento di stato adescando al contempo proseliti con tecniche di indottrinamento neanche tanto celate.

Sarebbe opportuno farne una reale riflessione, senza incolpare sempre e solo la televisione, perchè non soltanto sui divani fioriscono queste atrofizzazioni intellettuali.

La Scienza porta fatti e se l’alternativa passa da un megafono o da un muro imbrattato, non ha veramente niente con cui competere.

Dott. Marco Tapinassi
Vice-Direttore. Infermiere, webwriter e coautore di libri sui concorsi pubblici. Immagina l'informazione come un fattore di crescita. Ama i biscotti, il suo cane Davos e non perde nemmeno un tè con il suo Bianconiglio.
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394