Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Per il Govento Conte la vita di Infermieri e Professioni Sanitarie vale meno di 3 euro. Vergognosi i 100 euro di aumento sullo stipendio.

Cento euro di aumento sugli stipendi di Infermieri e Professioni Sanitarie. Una vera vergogna, eppure per il Governo di Giuseppe Conte la nostra professionalità vale poco più di 3 euro al giorno. Non bastano gli infetti, non bastano le morti, per convincere la Politica italiana che nel SSN facciamo veramente la differenza non basta nemmeno una emergenza sanitaria di questa portata.

Professionisti impegnati giorno dopo giorno in una guerra senza armi e senza difese. La Nazione ci ha “chiamati” e noi siamo scesi in campo, in tutti settori, in ospedale e sul territorio.

Si tratta nello specifico di un “aumento” di 3,22 Euro circa al giorno, che dovranno servire per calmierare l’impegno in prima linea. Una sorta di contentino per “zittire” chi oggi sta difendendo l’Italia dal Coronavirus cinese.

3,22 Euro, ovvero meno di un pacchetto di sigarette, meno di una colazione al bar, meno di un panino.

3,22 Euro, ovvero esattamente quanto è disposto a scommettere su di noi l’Esecutivo, la dimostrazione che non ci tengono per nulla in considerazione e che oggi siamo utili vittime sacrificali di una guerra che nessuno di noi voleva e che certamente non volevano i Cittadini.

Si vergogni Giuseppe Conte, si vergogni un Governo che ci ha gettato nella fossa dei leoni, nudi, infreddoliti, impauriti da un “animale” che non si riesce ancora a “addomesticare”.

Fratelli d’Italia, l’Italia se desta, dell’elmo di Scipio di è cinta la testa, dov’è la vittoria, le porga la chioma, che schiava di Roma Iddio la creò. Stringiamoci a corte, siam pronti alla morte… non eravamo, non siamo e non saremo mai pronte ad una morte così stronza.

Ci vediamo alle urne!