histats.com

Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: indennità di turno e Fakenews

Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: indennità di turno e Fakenews
Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: indennità di turno e Fakenews.
Stanno girando in rete e volutamente notizie inventate di sana pianta sulla indennità di turno contemplate nel nuovo Contratta Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL 2016 – 2018). Sull’argomento ne abbiamo parlato congiuntamente con Daniele Bedetti, segretario sindacato FIALS Emilia Romagna, e con Alfredo Sepe, segretario provinciale FIALS di Bologna, che ci hanno offerto delucidazioni, dal loro punto di vista, su questo ostico argomento che interessa un po’ tutti noi.
Al personale dei ruoli sanitario e tecnico appartenente alle categoria B, C e D verrà corrisposta una indennità giornaliera di 4,49 euro, purchè vi sia una rotazione pari al 20% di turni su M – P – N;  per chi lavora su M – P;  la percentuale e del 30%.
Questo è quanto circola sui socia-network, ma se dal sindacalese volessimo tradurre in italiano corrente e capirne il significato?
 
Lo fanno per noi Bedetti e Sepe:
 
Se un dipendente effettua 160 turni annuali su 3 turni il 20% è 32; implica che, in una turnazione effettuata, sia di Mattina, sia di Pomeriggio, sia di Notte, vi deve essere a fine anno un minimo di 32 turni; lo stesso esempio è possibile attuarlo su chi lavora su 2 turni con la percentuale del 30%.             . 
 
Non solo non si perde il diritto economico “acquisito”, ma c’è la possibilità di una flessione in verticale del valore economico dell’indennità (es. da 4,49 €  – 5,50 €  – 6,00 € – 7,00 € ) in contrattazione integrativa (ovvero con le Aziende sanitarie del territorio, dove i sindacati pseudo-infermieristici Nursind e Nursing Up non possono partecipare); il modello succitato viene applicato in relazione alla turnazione presente in ogni azienda.
Tradotto: produrre una turnistica di maggior favore, implica anche un miglioramento della parte economica relativa all’indennità.
Nel vecchio CCNL si diceva che al personale dei ruoli sanitario e tecnico appartenente alle categoria B, C e D verrà corrisposta una indennità giornaliera di 4,49 euro, purchè vi sia una effettiva rotazione del personale nei tre turni, tale da evidenziare un numero sostanzialmente equilibrato tra M – P – N.
 
Come potete notare è identico il concetto tra vecchio contratto e nuovo contratto di equilibrio tra M – P – N. Nel nuovo CCNL viene inserita solo la percentuale (%); al fine di evitare difformità, discriminazioni e un utilizzo improprio delle risorse economiche dei lavoratori (depauperamento fondi contrattuali) a favore degli incarichi aziendali                                                  ,
 
Nello specifico la FIALS di Bologna ha chiesto all’Azienda di istruire una Commissione Tecnica sul tema indennità di turno, visto la potenziale applicazione non uniforme sul territorio, che potrebbe di fatto, senza l’intervento dei sindacati (quelli onesti si intende) penalizzare economicamente i lavoratori.
 
Restando nell’ambito bolognese FIALS ha proposto all’Azienda, nell’eventualità ci siano penalizzazioni economiche non ascrivibili alla volontà del lavoratore, bisogna aumentare il valore economico della singola indennità, quindi nel caso la vostra Azienda vi cambia il turno e non vi fà prendere l’indennità, con la nostra ricetta non perderete un euro.
 
Le indennità restano la nostra principale preoccupazione, stiamo lavorando per aumentare lo stipendio di tutti i dipendenti ( vedi fasce, progetti, incentivi) non comprendiamo le false notizie diffuse da sindacati pallidi e sostanzialmente ignoranti                                                       .
 
Noi siamo dalla vostra parte, Noi siamo con Voi.
 
Daniele Bedetti – Segretario regionale FIALS Emilia Romagna
Alfredo Sepe – Segretario provinciale FIALS Bologna

Redazione

Servizio Redazionale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394