histats.com

Infermieri e Medici scappano da Brindisi: la denuncia di Nursind!

Infermieri e Medici scappano da Brindisi: la denuncia di Nursind!
Infermieri e Medici scappano da Brindisi: la denuncia di Nursind!

Infermieri e Medici scappano dalle strutture ospedaliere di Brindisi. Lo fa soprattutto chi lavora nel settore dell’emergenza-urgenza. A denunciare quanto accade nel sud della Puglia è il sindacato Nursind attraverso il segretario territoriale brindisino Carmelo Villani. Di seguito pubblichiamo la nota dell’organizzazione sindacale.

Elevato stress, aggressioni verbali, a volte fisiche, inadeguato riconoscimento economico. E così dai servizi di emergenza della sanità brindisina medici ed infermieri cercano letteralmente di “scappare”.

Chi disilluso, chi stremato, chi non si sente valorizzato, cerca e spera in una diversa collocazione professionale. Un settore, infatti, quello della emergenza urgenza che richiede notevoli sacrifici ed è avaro di soddisfazioni oltre che notevolmente stressante, anche alla luce delle passate e delle recenti riorganizzazioni aziendali che hanno visto aumentare a dismisura la intensità e complessità assistenziale.

Il problema è profondo e rappresenta una vera emergenza che tocca aspetti essenziali di tutta l’organizzazione sanitaria. Per questo motivo il Nursind sostiene e condivide gli obiettivi del neonato Movimento del Personale di Emergenza-Urgenza, tanto più che una indennità che consta di poco più di 4 euro, è indecorosa per l’effettivo impegno e responsabilità richiesto a tale personale.

Per lo stesso motivo, in disaccordo con quanto emerso nella seduta del Consiglio Regionale del 09/03/2018, abbiamo reiterato la richiesta alle istituzioni regionali preposte, oltre che al management aziendale, il riconoscimento e quindi la valorizzazione delle gravose responsabilità del personale in servizio presso i Pronto Soccorso e 118, oltre che la concessione di audizione in Commissione Sanità al fine di sottoporre in maniera compiuta alle istituzioni regionali le nostre proposte.

Appare, infatti, fortemente lesivo della professionalità di tutti gli operatori continuare a dare una visione di secondo ordine del servizio di pronto soccorso e 118 rispetto a tutto quanto riguarda l’assistenza praticata nelle cosiddette aree critiche; è di solare evidenza il disagio e rischio a cui sono sottoposti giornalmente gli operatori di detti servizi, oltre che la circostanza che l’immediatezza dell’intervento, con cure che hanno il carattere della prima rianimazione d’urgenza, si pratica appunto presso quei centri per conseguire poi quel risultato ottimale finale con la terapia a lungo termine; non può sottacersi che il primo intervento, proprio per la natura stessa dell’emergenza-urgenza praticato dal 118 e dal pronto soccorso, sia da considerare come impegno assistenziale di tipo intensivo, sia pure dalla durata variabile di pochi minuti o dall’intera giornata, se i fatti critici si susseguono o si ripresentano nell’arco della stessa giornata.

Auspichiamo quindi un ripensamento da parte delle istituzioni regionali, nelle more una iniziativa autonoma da parte del management aziendale al fine di valorizzare e riconoscere il gravoso impegno degli operatori interessati, l’impegno in tal senso da parte di tutte le organizzazioni sindacali. 

Carmelo Villani, segretario territoriale Nursind Brindisi

Redazione

Servizio Redazionale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394