Governo, Conte Premier: come inciderà sulla prossima Sanità?

Giuseppe Conte, nuovo primo ministro!
Giuseppe Conte, nuovo primo ministro!

In queste ore l’incontro del Presidente della Repubblica Mattarella con Di Maio, leader del Movimento 5 Stelle, e con Salvini, leader della Lega Nord. Il Governo che verrà subisce già la pressione delle aspettative. Sono moltissime le sfide che lo attendono, molte delle quali riguardano proprio la necessità di “curare” la Sanità italiana. Il nuovo Governo sarà affidato a Giuseppe Conte, definito da molti il candidato ideale.

Chi è e perchè può essere la persona giusta?

Giuseppe Conte nasce 54 anni fa in provincia di Foggia ma si considera Fiorentino di Adozione. E’ Professore ordinario di diritto privato presso l’Università di Firenze. Il suo nome era già stato proposto come ministro della Pubblica Amministrazione nella squadra presentata da Di Maio in caso di un governo 5 Stelle.

Il suo curriculum è di primissimo livello: laurea in Giurisprudenza presso l’Università “La Sapienza” di Roma con 110/110 e lode. Borsista presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). Ha studiato a Yale (USA), Vienna, Parigi, Cambridge e New York. Poi la carriera accademica ha insegnato diritto civile e commerciale presso l’Università di Roma Tre, la Lumsa di Roma, l’Università di Sassari e quella di Malta.

I titoli non fanno le capacità di governare (Monti docet) ma sicuramente è un buon inizio. Rispetto alle tematiche sanitarie, Conte rispetterà i programmi stabiliti dal contratto di governo tra Di Maio e Salvini che prevedono Assunzioni, Riduzione dei tempi di attesa, Attenzione alla qualità della sanità Pubblica sia per chi vi lavora sia per chi ne beneficia.

Ovviamente queste premesse risultano come prospettive felici per più di un milione di Infermieri, Infermieri pediatrici, Oss e Professionisti Sanitari.

Staremo a vedere ma i prodromi per un buon risultato sembrano esserci tutti. 

Intanto Di Maio e Salvini poco fa hanno ufficializzato l’accordo e si mettono a disposizione di Mattarella

“Credo che oggi possiamo dire che siamo di fronte a un momento storico. Abbiamo indicato il nome al presidente della Repubblica che può portare avanti il contratto di governo“, ha detto il leader di M5S Luigi Di Maio al termine del colloquio con il presidente della Repubblica Mattarella. “Ovviamente il nostro obiettivo era ed è migliorare la qualità della vita degli italiani e in questi 80 giorni abbiamo imposto un metodo: prima si discuteva di temi e poi di nomi”. “Le questioni degli italiani vengono prima di ogni cosa – ha aggiunto il capo politico di M5S -. Sono orgoglioso di aver portato al governo il nostro programma elettorale, ci sono i 5 stelle, ci sono i nostri 20 punti”. “Siamo pienamente soddisfatti del lavoro nei prossimi giorni speriamo che si possa iniziare questo nuovo percorso per la Repubblica. Sono stati 80 giorni in cui ne è valsa la pena prendere tempo perché finalmente nasce la terza Repubblica“.

“Nel contratto di governo ci sono le Cinque stelle, i venti punti indicati in campagna elettorale e tante soluzioni alle sofferenze degli italiani, dal reddito di cittadinanza alla legge Fornero – ha spiegato ancora Di Maio -, a più spazi di bilancio in Europa, dalla lotta al gioco d’azzardo, al superamento della buona scuola, alla sanità, con la meritocrazia per chi è a capo degli ospedali. Ci sono le grandi battaglie storiche del M5s, come l’acqua pubblica”.

Poi Luigi Di Maio all’esterno del Quirinale, dopo il suo colloquio con Mattarella, per la formazione del nuovo governo, ha detto “Giuseppe Conte sarà un premier politico di un governo politico, indicato da due forze politiche, con figure politiche al proprio interno. E soprattutto con il sostegno di due forze politiche votate. No ai cambi di casacca, no a persone che vengono dal gruppo Misto e che entrano in altri gruppi. Non era questo lo spirito che volevamo dare al governo”.

Con il leader pentastellato, i capigruppo alla Camera e al Senato Giulia Grillo e Danilo Toninelli e il capo della comunicazione Rocco Casalino. Di Maio ha percorso un breve tratto a piedi prima di entrare al Quirinale. 

Fonte: Ansa.it – AssoCareNews.it

Potrebbe interessarti...