Elezioni OPI Milano: Muttillo ci riprova e rinnova la sua lista!

Elezioni OPI Milano: Muttillo ci riprova e rinnova la sua lista!
Elezioni OPI Milano: Muttillo ci riprova e rinnova la sua lista!

Il presidente uscente dell’ormai Collegio Ipasvi di Milano – Monza – Lodi – Brianza scende di nuovo in campo, questa volta per diventare presidente del più importante Ordine delle Professioni Infermieristiche della Lombardia. Si tratta di Giovanni Muttillo, dirigente infermiere e storico rappresentante della professione nell’hinterland milanese e brianzolo.

Si tratta di “Noi Infermieri Insieme“, un movimento che racchiude vecchie e nuove facce dell’infermieristica lombarda.

Ecco il programma della Lista di Giovanni Muttillo

Orgogliosi di presentarvi il nostro NUTRITO programma … perchè la professione merita una riflessione attenta!

1 Orientamento delle politiche dell’Ordine Professionale

Ci impegneremo al contrasto del demansionamento, al riconoscimento di lavoro gravoso, ad una nuova definizione degli standard organici, alla valutazione dei carichi di lavoro, alla rinegoziazione straordinari, alla valorizzazione delle competenze e master, ad un vero e adeguato riconoscimento economico-contrattuale, all’abrogazione del rapporto di esclusività per la Pubblica Amministrazione per consentire l’esercizio della libera professione anche ai dipendenti, alla piena attuazione della riforma ordinistica (sedi decentrate e voto telematico).

2 Attuazione della Riforma Regionale Legge 23/2015

Continueremo a seguire i progetti per l’attuazione della Riforma anche in collaborazione con gli OPI lombardi e SDA Bocconi, con riferimento in particolare all’Infermiere di Famiglia e Comunità, PRESST, Porta dell’emergenza, percorsi cronicità.

3 Rappresentanza ordinistica (tutele e servizi)

Manterremo la quota di iscrizione all’albo tra le più basse a livello nazionale, continuando a garantire l’offerta di consulenze, corsi di formazione, risposta ai quesiti, convenzioni.

4 Sostegno all’occupazione giovanile

Daremo continuità nel sostenere le politiche per il ricambio generazionale, per il superamento del precariato e l’orientamento verso i nuovi ambiti occupazionali (territorio, scuola, medicina del lavoro e carceraria, …), anche attraverso corsi gratuiti ai disoccupati.

5 Libera professione

Continueremo le attività a sostegno dei liberi professionisti, dalla formazione alla consulenza, vigilando e contrastando i fenomeni di sfruttamento e abusivismo.
Proseguiremo nelle attività di diffusione della cultura libero professionale in ambito occupazionale e universitario. Potenzieremo lo sportello gratuito delle consulenze in collaborazione con ENPAPI. Proporremo convenzioni in ambito assicurativo. Otterremo una convenzione per gli iscritti con il Comune di Milano per l’accesso all’area C e ai parcheggi (infermiere in visita).

6 Responsabilità professionale

Potenzieremo la tutela legale degli iscritti in ambito civile, penale, professionale disciplinare, e proseguiremo con i gruppi di esperti CTP/CTU sulle condotte professionali e i confini di competenza tra le diverse professioni.

7 Etica e deontologia

Continueremo il lavoro avviato con la Federazione e le Associazioni professionali e dei cittadini per la revisione del nuovo Codice Deontologico. Proseguiremo la riflessione sui temi eticamente sensibili. Tuteleremo le persone assistite dalle forme di malpractice.

8 Formazione ECM

Potenzieremo ulteriormente l’offerta formativa anche attraverso NursingFad, Deontonursing e Italian Journal of Nursing (recentemente indicizzato). Ci concentreremo in particolare sul fabbisogno degli iscritti con nuove proposte, anche in ambito di comunicazione e responsabilità.

9 Centro di ricerca infermieristica e associazioni scientifiche

Daremo vita a un Centro di ricerca infermieristica per diffondere – in collaborazione con le società scientifiche – la cultura della ricerca affinché diventi patrimonio di ogni infermiere. Proseguiremo la partnership nazionale e internazionale con RNAO – Canada come BPSO Host, con l’Ordine degli Infermieri di Barcellona, l’International Council of Nurses e il Royal College of Nursing.

10 Definizione standard minimi assistenziali di sicurezza

Ci impegneremo per innalzare gli attuali standard di accreditamento (risalenti al 1998) che definiscono le presenze minime degli infermieri negli ospedali, RSA e altri servizi socio-sanitari, anche in sinergia con le istituzioni delle altre regioni e i cittadini. Coinvolgeremo le organizzazioni sindacali.

11 Sensibilizzazione alla cultura della sicurezza e alla gestione del rischio clinico

Attueremo iniziative e politiche per sviluppare e diffondere la cultura della sicurezza e per far conoscere gli strumenti di gestione del rischio clinico.

12 Voce alla professione

Proseguiremo le attività di valorizzazione dell’immagine professionale presso l’opinione pubblica attraverso eventi, social, corsi, Film Festival, canali tv, nursing reporter e contatti coi media, presenza dell’OPI nelle scuole anche con la formazione sull’emergenza nelle scuole, ma in particolar modo nelle strutture sanitarie anche attraverso la creazione di bacheche dedicate.

13 Vero riconoscimento contrattuale delle competenze

In sinergia con le parti sociali e sindacali, attiveremo iniziative volte al vero riconoscimento delle competenze specialistiche e avanzate nelle organizzazioni, negli incarichi professionali e nella prossima piattaforma contrattuale anche con una propria area (uscita dal comparto).

14 Proposte di interventi legislativi

Sensibilizzeremo le istituzioni per l’attivazione della prescrizione infermieristica come in altri modelli europei e degli ambulatori a gestione infermieristica con riconoscimento della tariffazione delle prestazioni.

15 Consulenza e assistenza

Potenzieremo i servizi di consulenza offerti gratuitamente agli iscritti con riferimento alle aree fiscale, legale, previdenziale, contrattuale e libero professionale, e l’assistenza nelle varie fasi processuali fino alla costituzione di parte civile.

16 Rapporti istituzionali Università-Regione

Continueremo a collaborare con le Università e la Conferenza dei Corsi di Laurea per la valorizzazione della formazione accademica. Istituiremo una borsa di studio per studenti meritevoli e un premio alla miglior tesi. Valorizzeremo il ruolo dei docenti, tutor, assistenti di tirocinio e direttori didattici anche con un progetto di finanziamento regionale in analogia a quanto fatto da altre regioni.

17 Contrasto alla violenza

Attiveremo iniziative concrete per prevenire e contrastare la violenza e le aggressioni nei confronti dei professionisti attraverso collaborazioni con Forze dell’Ordine, Aziende Sanitarie-Comitato Unico di Garanzia e altre realtà.

18 Modelli organizzativi

Sosterremo l’implementazione di modelli organizzativi che favoriscano la presa in carico della persona, della famiglia e dei caregiver. Potenzieremo la consapevolezza del nostro ruolo nell’integrazione interprofessionale e con le figure di supporto.

19 Direzione professioni sanitarie

Vogliamo una Direzione delle Professioni Sanitarie centrata sulla valorizzazione delle risorse umane nel rispetto delle tutele e dei diritti di tutti. Favoriremo l’istituzione dell’Osservatorio e del Dipartimento delle Professioni Sanitarie in Regione Lombardia con gli OPI Lombardi.

Ecco i candidati della Lista

Consiglio Direttivo – scheda bianca

  • Muttillo Giovanni Antonio
  • Bonetti Loris
  • Castaldo Anna
  • Fanari Francesco
  • Gobbi Paola
  • Grifone Vincenzo
  • Campani Daiana
  • Madaschi Maria Vittoria
  • Mauri Monica
  • Anelli M. Lauretta
  • Napoli Raffaele
  • Neri Maurizio
  • Pieraccini Giuliana
  • Sannino Patrizio
  • Teti Ornella

Revisori dei Conti – scheda gialla

  • Greco Sergio
  • Crisalide Carmela
  • De Angelis Gaetano membro supplente

Per saperne di più: LINK

Potrebbe interessarti...