Pubblicità

Nell’ambito della rubrica “Book – Libri & Letture“, curata dall’infermiere Giovanni Maria Scupola, presentiamo oggi un capolavoro di Valeria Parrella, edito per i tipi di Harper Collins nel 2020.

“Quattro amiche in viaggio per riscoprire la propria essenza e quella di chi ha amato, vissuto e combattuto prima di loro”

Dopo essere stata protagonista, anche con polemica, all’ultima edizione dello Strega, dove è arrivata nella sestina finalista con il suo Almarina, Valeria Parrella torna con Quel tipo di donna, uscito il 24 settembre per la casa editrice Harper Collins.

“No: non siamo quel tipo di donne lì, o quel tipo di uomini, dico quelli che stendono una tovaglietta sotto il piatto per mangiare da soli. Abbiamo mangiato da sole tante volte, che l’avessimo scelto o no, che ci sia piaciuto o no, con i figli che gattonavano d’intorno e comunque sole su quel piatto. Ma per la tovaglietta non abbiamo avuto tempo: c’è sempre stato altro da fare, da leggere, da passare il badge, o da consegnare un pezzo, o da occupare un bene confiscato, entrare in un carcere, organizzare uno spettacolo, cercare le mutande nel letto disfatto di un altro”.

All’insegna di questa filosofia quattro amiche, come moderne Thelma e Louise, salgono a bordo di una vecchia Mercedes bianca su una strada assolata e polverosa durante un afoso agosto, partono da Napoli per attraversare la Turchia in pieno Ramadan.

A smuoverle una perdita, troppo grande per essere affrontata da sole, e visto che l’amicizia vera non conosce ostacoli, ciascuna di loro si è presa il suo tempo, e il suo spazio, lasciando figli, lavoro, amori, per stringersi attorno alle altre e colmare quel vuoto.

Così, con sullo sfondo una metropoli libera e moderna come Istanbul, i cunicoli sotterranei dei Camini delle fate in Cappadocia e le coste incontaminate di Antalya, le quattro amiche scoprono di non essere sole, perché le madri, le nonne, che vivono nelle loro anime scorrono come sangue nelle loro vene, e reclamano una voce proprio attraverso loro.

Va a finire che quella di Parrella non è la storia di quattro amiche, ma la storia di tutte le donne, o meglio: quel tipo di donna.

Che sono quelle cresciute con l’esempio delle altre che hanno combattuto, amato e vissuto prima di loro.

Giovanni Maria Scupola – LAAV Lecce

1 COMMENT

Comments are closed.