histats.com

XI Conferenza sulle politiche della professione infermieristica: tutto pronto a Firenze.

XI Conferenza sulle politiche della professione infermieristica: tutto pronto a Firenze.

L’evento organizzato dalla FNOPI vedrà la partecipazione dei maggiori esperti nelle politiche professionali.

Come ogni anno anche quest’anno la FNOPI si interroga circa lo stato dell’arte dello sviluppo della professione attraverso l’analisi dell’organizzazione del Sistema Sanitario in generale e di quello assistenziale in particolare. Lo sviluppo del potenziale infermieristico per poter essere declinato nel contesto operativo ed essere reso disponibile per darerisposte ai complessi bisogni di salute, deve poter disporre di un’organizzazione ispirata daireali bisogni di salute del cittadino. Questo risulta essere il punto di partenza per una riflessione sulla capacità di produrre “salute” del sistema, sulla migliore organizzazione possibile, sugli attori e registi irrinunciabili al detto scopo.

L’XI Conferenza Nazionale delle Politiche della Professione Infermieristica avrà luogo il prossimo 31 maggio a Firenze presso FH Grand Hotel Mediterraneo.

L’iniziativa è rivolta ai Presidenti degli Opi, ai Direttori e Dirigenti Infermieri, ai Professori Med45, ai Direttori e Coordinatori dei Corsi di Laurea in infermieristica e ai Presidenti delle Società Scientifiche Infermieristiche.

L’iscrizione è gratuita e comprende la partecipazione ai lavori, il kit congressuale e il pranzo. Le spese di viaggio e soggiorno sono a carico dei singoli partecipanti. La partecipazione è strettamente personale. La Conferenza è a numero chiuso, l’iscrizione è obbligatoria fino ad esaurimento dei posti disponibili e si può effettuare solo per via telematica collegandosi al sito

Per iscrivervi cliccate QUI > LINK.

L’ingresso dei lavori avverrà in base ai nominativi comunicati con l’iscrizione.

“L’organizzazione che vogliamo investigare è quella dei Sistemi Sanitari di alcune Regioni che si sono distinte per saper offrire le migliori performance in termini di garanzia dei Lea. Questo lo faremo con chi ha la responsabilità di disegnare e declinare nella realtà i modelli organizzativi dei Sistemi Sanitari regionali” – si legge in una nota della FNOPI diramata agli Ordini Infermieristici Provinciali e alle associazioni di categoria.

“Ancora, siamo convinti che la produzione di ‘salute’ non possa prescindere da un’organizzazione assistenziale che già la Legge 251/2000 ne delineava le direttrici disviluppo e soprattutto ne rendeva chiaro lo scopo. Come ben sappiamo questa norma chiudeva il “cerchio” dopo aver riconosciuto l’autonomia professionale dell’infermiere (Legge 42/99), si provvedeva a dare al sistema un’ulteriore opportunità: quella dell’autonomia organizzativa del sistema infermieristico, che ancorava però saldamente airisultati – che questo sistema doveva produrre – in termini di esiti di salute del cittadino. Anche in questo caso il nostro interesse è quello delle organizzazioni che si sono realizzate in diverse Regioni e per questo abbiamo chiesto ai colleghi che hanno saputo ed avuto la possibilità di produrre modelli innovativi anche se differenti, perché inseriti armoniosamente in contesti con esigenze non sovrapponibili. Con loro ragioneremo sul contributo che tali modelli rendono al sistema” – aggiungono dalla Federazione.

Ci sarà, inoltre, la possibilità di fare il punto su alcuni strumenti importanti già disegnati e nelle disponibilità dei gestori e altri in via di definizione. Ci si riferisce ai CCNL del comparto e della dirigenza. Per questo sarà fatto il punto sugli elementi innovativi del CCNL del comparto, ovvero gli incarichi di funzione oltre che quelli organizzativo gestionali. Sul CCNL della dirigenza ci sarà la possibilità di socializzare lo stato delle trattative e le opportunità che si stanno delineando oltre che i nodi ancora critici, ma anche con gli elementi che riteniamo irrinunciabili per una dirigenza che risulta essere indiscutibilmente strategica per tutto il sistema e sulla quale si conta per qualsiasi innovazione che si vuol realizzare.

Infine, per questi ruoli organizzativo-gestionali saranno formulate alcune riflessioni sulla formazione universitaria: “è indiscutibile il ruolo strategico della formazione che non può che essere a livello universitario, discuteremo però dei contenuti, delle modalità di accesso, dellaselezione avendo sempre ben presente di quale professionista “gestore ed organizzatore”ha bisogno il SSN oggi e soprattutto in prospettiva futura”.

Vietato mancare!

Redazione

Servizio Redazionale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394