oss infermiere
Confident young doctor in a hospital foyer
Pubblicità

Renato: Essere OSS vuol dire amore, passione e gentilezza. Doti che non si insegnano all’Università.

Renato Spissu è un collega sardo che ci ha scritto una bellissima lettera con una riflessione importante e personale sulla formazione del suo profilo professionale.

“Gentile redazione di AssoCareNews.it,

mi chiamo Renato Spissu e sono OSS a Sassari (scusate le troppe S, ahahah).

Amo il mio lavoro, che ho scelto di fare nell’autunno 2007, con conseguente diploma nel 2008.

Per me essere OSS vuol dire amore, passione e gentilezza. Tutte doti che non si insegnano all’università, anzi. Ad occhio e croce, i colleghi infermieri laureati sono una marcia indietro rispetto a quelli diplomati.

Tornando a noi, prendersi cura delle persone è una cosa bellissima, non roviniamola volendo far crescere il profilo a dismisura!

Grazie della pubblicazione.

Renato Spissu”.