Pubblicità

Un Operatore Socio Sanitario di 28 anni, Marco Simone, è morto dissanguato dopo aver litigato in maniera furibonda con la ragazza. Spacca porta e si ferisce con vetri, Medici e Infermieri del 118 hanno cercato invano di salvarlo. Aveva appena 28 anni.

Si chiamava Marco Simone, aveva 28 anni, era originario della Puglia, ma lavorava come Operatore Socio Sanitario a Piacenza. Medici e Infermieri del Servizio 118 non sono riusciti a salvarlo, al loro arrivo aveva già perso troppo sangue per una serie di ferite provocate dalla rottura, forse con dei calci, di una porta a vetro. Sul caso, però, ci sono le indagini in corso per capire cosa è successo realmente.

La notizia della sua morte è stata data ieri da tutti i media del piacentino, provincia nella quale viveva. Il giovane, un ragazzo di 28 anni, è morto dissanguato dopo aver distrutto tra calci, una porta di vetro, forse durante una lite con la sua fidanzata. A raccontare proprio quanto era accaduto, la ragazza, che ha subito chiamato i soccorsi. La ricostruzione al momento non è definitiva, saranno le forze dell’ordine a stabilire quello che realmente è successo in casa. A nulla però è servito l’intervento dei medici; per il giovane salentino, non c’è stato nulla da fare. E’ morto a causa delle ferite e delle forti perdite di sangue.

Secondo quanti riferisce Piacenza Today, il giovane, Marco era originario di Montesano Salentino, in provincia di Lecce, avrebbe spaccato la porta della camera in cui c’era la sua fidanzata. Si sarebbe reciso la vena del polpaccio e questa ferita avrebbe causato il dissanguamento mortale. La ragazza, una giovane infermiera, avrebbe cercato subito di intervenire, per fermare l’uscita del sangue ma a nulla sarebbe valso il suo intervento. Ha poi chiamato i soccorsi.

Il giovane lavorava come OSS presso l’ospedale di Piacenza ed era residente nel vicino comune di Ancarano di Rivergaro. La testimonianza della fidanzata adesso al vaglio di chi indaga per capire che cosa è successo prima che il giovane si ferisse in modo mortale. Grande sgomento nel piccolo centro in provincia di Lecce dove è arrivata questa mattina la drammatica notizia.