oss
Pubblicità

Il futuro degli Operatori Socio Sanitari (OSS) è ancora in salita: il ministro Roberto Speranza non ha alcuna intenzione di valorizzare la categoria.

In questi giorni si è discusso molto di futuro professionale degli Operatori Socio Sanitari (OSS) e di svolta storica per la categoria che si apprestava già ad assaporare l’evoluzione sancita tramite le norme.

Ora arriva la doccia gelata: dagli ambienti vicino al ministro della salute Roberto Speranza e dagli uffici ministeriali arriva il no netto ad ogni proposta fatta pervenire dalle associazioni che, in varia forma e misura, hanno scritto al politico di sinistra e ai suoi più stretti collaboratori e colleghi.

Gli OSS, almeno nel breve periodo, non vedranno realizzare alcuna riforma a loro valore:

  • si continuerà ad accedere ai corsi per diventare OSS anche con la terza media;
  • non sarà obbligatorio il Diploma di maturità;
  • la formazione di base e post-base resterà ad appannaggio delle regioni;
  • non ci sarà alcun percorso para-universitario;
  • non ci sarà un programma di studi unico nazionale valido per tutti;
  • non ci sarà alcun incremento dei tempi formativo fino a 1600 ore (o due anni);
  • le aziende private riconosciute dalle regioni continueranno a formare i futuri OSS con tutti i dubbi del caso;
  • non sarà riconosciuto il Profilo Socio Sanitario per gli OSS così come si prevedeva con l’avvento della Legge 3/2018;
  • non ci sarà alcun elenco unico nazionale e ancor meno alcun Albo come paventato dall’on. Stefania Mammì.

Insomma, il futuro degli OSS resta legato al palo dell’indifferenza della politica e l‘Operatore Socio Sanitario continuerà ancora ad essere personale di supporto dell’Infermiere… almeno fino a quanto sul massimo scranno del Ministero della salute continuerà a sedere Speranza.

Leggi anche:

Operatori Socio Sanitari: il rilancio della categoria è appeso al palo. Il Governo per ora nicchia.