OSS e reali competenze in Ospedale. Cosa possono fare in autonomia?

Cercasi urgentemente 20 OSS a Torino: ecco come candidarvi!

Le attività degli Operatori Socio-Sanitari
nei contesti ospedalieri: uno studio mixed-method condotto dal gruppo ECOSS.

Lo studio è stato condotto dai colleghi Alvisa Palese, Elisa Ambrosi, Francesca Stefani,  Alessandra Zenere e Luisa Saiani nell’ambito delle iniziative di ricerca del grupp ECOSS. Gli autori vogliono dimostrare che con la giusta formazione gli OSS possono essere un valido supporto per gli Infermieri e per tutto il Sistema Sanitario Nazionale.

Iscrivetevi al Gruppo Facebook dedicato agli Operatori Socio Sanitari per rimanere aggiornati.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista AIR – Assistenza Infermieristica e Ricerca.

Dopo vent’anni dall’inserimento dell’Operatore Socio-Sanitario (OSS) nella pratica assistenziale, il suo ruolo è ampiamente dibattuto.

Gli obiettivi dello studio.

Descrivere le attività effettuate dall’OSS e il tempo dedicato; individuare le attività svolte in autonomia che appartengono all’area di confine con la competenza infermieristica ed analizzarne le motivazioni.

Metodi utilizzati.

Studio multicentrico con approccio mixed-method. Cinquantasei OSS di 17 ospedali del Nord-Italia sono stati osservati durante la pratica quotidiana e intervistati rispetto alle motivazioni dello svolgimento in autonomia di attività di confine con la competenza infermieristica.

Risultati ottenuti.

Gli OSS hanno svolto principalmente attività di assistenza diretta (67.7% del tempo osservato) cure igieniche, mobilizzazione e alimentazione.

Negli ospedali di dimensioni maggiori (p=0.034), nei reparti chirurgici (p=0.001), con uno skill mix >40% (p= 0.044) e un ridotto numero di pazienti per infermiere (p=0.041) gli OSS dedicavano significativamente meno tempo alle attività di assistenza diretta.

Le attività di confine con le competenze infermieristiche effettuate più frequentemente in autonomia sono state:

  • la mobilizzazione (22;39.3%);
  • le cure igieniche (21;37.5%) in pazienti instabili;
  • l’alimentazionedi pazienti disfagici (19;34%);
  • la sostituzione delle flebo (16; 28.6%);
  • la medicazione delle lesioni da pressione (11; 19.6%).

Gli OSS hanno agito in autonomia per l’esperienza lavorativa, per rispondere tempestivamente ai pazienti e ridurre il carico di lavoro degli infermieri.

In conclusione.

È necessario monitorare lo sviluppo del ruolo degli OSS nei contesti ospedalieri per comprendere le integrazioni con gli infermieri.

Iscrivetevi al Gruppo Facebook dedicato agli Operatori Socio Sanitari per rimanere aggiornati.

Per ulteriori approfondimenti: LINK

Potrebbe interessarti...