histats.com
domenica, Gennaio 23, 2022
Pubblicità
HomeOperatori Socio SanitariL'OSS e la sua evoluzione nel Sistema Socio Sanitario. Incontro della UIL...

L’OSS e la sua evoluzione nel Sistema Socio Sanitario. Incontro della UIL Fpl a Rovigo.

Molto interessante l’incontro streaming sul tema “L’OSS e la sua evoluzione nel Sistema Socio Sanitario” alla presenza della sen. Barbara Guidolin. A Rovigo la UIL Fpl pensa al rilancio del personale di supporto.

In quasi 2 ore di discussione la UIL Fpl di Rovigo ha fatto il punto sul ruolo degli OSS e sulla loro evoluzione nell’ambito del Sistema Socio Sanitario italiano. Norme, linee guida, procedure e quant’altro abbia contribuito all’emancipazione professionale di questa figura tecnica è stata presa in considerazione durante all’appuntamento in streaming.

L’incontro è stato trasmesso in diretta Facebook su www.facebook.com/uilfplrovigo (qui in basso la registrazione video dell’appuntamento politico-sindacale), “L’operatore socio sanitario e la sua evoluzione nel sistema socio sanitario”, organizzato dalla la Uil Fpl di Rovigo, con il coordinamento polesano Oss, al quale hanno preso parte Giovanni Luca Avanzi, direttore dell’Iras e portavoce del Coordinamento delle strutture assistenziali del Polesine, Barbara Facco, del Coordinamento nazionale Oss della Uil, Enrica Muraro, delegata Uil Fpl di Rovigo e la senatrice del M5S Barbara Guidolin, di Bassano del Grappa, la cui professione, prima di entrare in Parlamento, era proprio quella di Oss e che, proprio per questo, sta portando avanti numerose istanze per la categoria.

La sen. Barbara Guidolin all'incontro promosso dalla UIL FPL di Rovigo.
La sen. Barbara Guidolin all’incontro promosso dalla UIL FPL di Rovigo.

Proprio la senatrice Guidolin, prima firmataria, il 6 ottobre 2020, del disegno di legge “Delega al Governo in materia di riforma della figura e del profilo dell’operatore socio-sanitario”, che va nella direzione della necessaria ridefinizione normativa della figura dell’Oss, ha rimarcato l’importante passo avanti che è già stato compiuto con l’approvazione definitiva, in Senato, della legge di conversione del cosiddetto “Decreto Sostegni bis”, che ha riconosciuto l’inquadramento contrattuale dell’Oss nel nuovo “ruolo sociosanitario”, nonché che l’atteso riconoscimento dell’Oss come lavoro gravoso sia stato inserito all’interno della Legge di Bilancio ora in discussione in Parlamento. La senatrice ha poi rimarcato l’importanza del tema della formazione nonché della possibilità di inserire l’Oss all’interno di un percorso di evoluzione professionale, vista anche la centralità che il tema della “cura” ha assunto e assumerà sempre di più nel futuro.

Avanzi, offrendo il punto di vista delle strutture, ha evidenziato come la pandemia abbia radicalmente mutato non solo la percezione esterna del ruolo dell’Oss ma anche la sua centralità all’interno delle Rsa. «Partire dalla pandemia – ha sottolineato invece Muraro – deve essere da stimolo nel ragionare su come l’operatore sociosanitario sia una figura indispensabile: per anni l’Oss è stato considerato ai margini, un lavoro di fatica, di grande pazienza e poco conosciuto. Pochi al di fuori delle Rsa potevano apprezzare lo sforzo compiuto da questi lavoratori che quotidianamente si sono ritrovati a dover trattare pazienti con gravità crescente, specializzandosi di fatto nelle cure delle malattie croniche. Proprio per questo, oggi, la politica deve interrogarsi su questo profilo sociosanitario e sui benefici che possono derivare da un’adeguata cornice normative che garantisca all’Oss di poter svolgere il proprio lavoro nella piena tutela e con competenze definite». Facco ha poi evidenziato come «la pandemia ha messo in evidenza le falle di un sistema che esistevano già prima e le necessità di una ridefinizione della professione a vent’anni dalla sua nascita».

La figura specifica dell’Oss, infatti, è stata individuata dalla Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano con l’Accordo del 22 febbraio 2001, recepito nella Legge numero 1 dell’8 gennaio 2002. La Regione Veneto ha istituito la figura dell’Oss, unitamente ai contesti operativi, alle attività e alle competenze che la caratterizzano, nonché alle modalità gestionali e organizzative dei corsi di formazione, con la legge regionale numero 20 del 16 agosto 2001, “La figura professionale dell’Operatore socio sanitario”.

Oggi gli Oss, a livello nazionale, sono ormai circa 200mila, ma c’è chi ne ha contati fino a 350.000. Anche per questo servirebbe un albo nazionale, non solo per contarli, ma per capire chi sono e perché i pazienti possono fidarsi di loro. Un po’ come accade per Medici, Infermieri, OSS, Veterinari e Professioni Sanitarie.

Purtroppo il video è stato girato in verticale, ma è possibile seguire tutto l’evento.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394