Pubblicità

La FIALS di Bologna scende nuovamente in piazza per denunciare la mancata assunzioni di Operatori Socio Sanitari dal Concorso unificato delle 4 aziende sanitarie bolognesi e imolesi. E ora minaccia anche denuncia in Procura.

Con una nota inviata agli organi di informazione il segretario provinciale della FIALS di Bologna, Alfredo Sepe, scende nuovamente in campo per chiedere immediate assunzioni dalle graduatorie del Concorso unifica per Operatori Socio Sanitari. Ciò sia per aumentare l’incremento di OSS nelle struttura, ma anche per ridurre il carico di lavoro a danno dei soli Infermieri, che sono quotidianamente costretti al demansionamento d’ufficio.

Sepe è molto duro e minaccia di adire le vie giudiziarie chiedendo l’intervento della Magistratura. Per lui si potrebbero paventare anche ipotesi di reato penale.

La FIALS ha Diffidato le 4 Aziende Sanitarie Bolognesi per la mancata assunzione di OSS dalla graduatoria tutt’ora vigente ed attiva: “siamo pronti a ricorrere al Giudice del Lavoro dichiara Sepe, in basso il testo della Diffida”.

La missiva di Alfredo Sepe inviata ai DG dell’USL, dell’AOSP, del Rizzoli di Bologna e dell’USL di Imola.

Spettabile
Direzione Generale USL Bologna
Direzione Generale AOSP Bologna
Direzione Generale Rizzoli
Direzione Generale USL Imola

E, pc

Studio Legale FIALS

OSS in Graduatoria

Oggetto: Diffida – Mancato Adempimento Assunzioni Tempo Indeterminato – Piano Fabbisogno personale OSS Aziende Sanitarie Area Metropolitana Bologna/Imola.

Spettabili Direzione, la presente ha valore di formale Diffida per il mancato proseguimento delle assunzioni di personale Socio Sanitario, anche alla luce del piano di fabbisogno di personale di supporto rappresentato/illustrato ai tavoli di rappresentanza politico/sindacale nelle scorse settimane.

Nella veste di organizzazione sindacale più rappresentativa su tutta Bologna e Provincia, abbiamo presentato una serie di emendamenti a sostegno delle criticità di organico che attanagliano le nostre Aziende, di conseguenza la necessità impellente di procedere con più solerzia all’assunzione di personale Socio Sanitario a Tempo Indeterminato

Non condividiamo la scelta di utilizzare forme di lavoro flessibili/interinali/a tempo determinato, mentre è attiva una graduatoria a tempo indeterminato, dove i candidati al ruolo hanno maturato un Diritto ‘’politico’’ all’assunzione, nonché legittime aspettative al cd. ruolo/tempo indeterminato.

Dal punto di vista tecnico/contrattuale le Aziende non possono ( Non Assumendo) continuare ad aumentare i carichi di lavoro del personale OSS già in servizio, nonché utilizzare impropriamente le risorse del fondo ex art 7 CC.N.L 7.4.99 ora Art.80 CC.N.L 21.5.2018.

La presente ha valore di formale Diffida, con intimazione a procedere alle Assunzioni a Tempo Indeterminato, al fine di evitare un contenzioso legale a sostegno dei colleghi in graduatoria, vincitori di concorso, ormai in attesa di chiamata da troppi mesi.

Dott. Alfredo Sepe
Segretario Generale Provinciale Area Metropolitana