Giovani Medici verso il Giuramento di Ippocrate a Roma. Neo-iscritti all’OMCeO.

Giovani medici in rivolta: ora tocca a noi!

Si tratta di un passaggio indispensabile per entrare nel mondo della professione medica. Parla il presidente dei medici e degli odontoiatri romani Antonio Magi.

Sabato 22 giugno l’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri ha organizzato all’Hotel Sheraton di Roma (viale del Pattinaggio 100, dalle ore 16) un contesto speciale per il Giuramento di Ippocrate di quasi 600 neo iscritti. Un passaggio fondamentale per la vita professionale dei giovani camici bianchi e propedeutico alla loro entrata nelle varie articolazioni pubbliche e private del Servizio sanitario nazionale.

Un ingresso nella professione che capita in un momento difficile per il ruolo del medico e per il Servizio Sanitario Nazionale in generale.

L’Ordine dei medici e degli odontoiatri di Roma proprio per questo ha voluto organizzare un momento celebrativo, e al contempo di festa, con famiglie e amici dei suoi neo iscritti, sia per sottolineare con maggiore solennità e con ‘spirito di corpo’ l’orgoglio di appartenere a una categoria essenziale per il Paese sia per stimolare la consapevolezza e l’assunzione di responsabilità sociale che ne deriva.

“Con questa iniziativa l’Ordine vuole dare un segnale forte e importante di attenzione e supporto a queste centinaia di neo iscritti – dichiara il presidente dell’OMCeO di Roma, Antonio Magi – convinto che le motivazioni e l’entusiasmo di questi nostri giovani colleghi possano fare la differenza nella qualità del loro lavoro e del loro compito di garantire salute ai cittadini che incontreranno nel loro agire quotidiano, sia negli ospedali che sul territorio”.

Potrebbe interessarti...