histats.com
sabato, Dicembre 4, 2021
Pubblicità
HomeInfermieriTestimoni di Geova e rifiuto di Trapianto e Trasfusione: obblighi e doveri...

Testimoni di Geova e rifiuto di Trapianto e Trasfusione: obblighi e doveri di Medici e Infermieri.

Trasfusione di Sangue e rifiuto da parte di Testimoni di Geova: dilemma etico, obblighi e doveri per Medici e Infermieri.

Come è risaputo, i Testimoni di Geova usano il rifiuto verso ogni tipo di trapianto e trasfusione (in quanto tecnicamente trapianto di tessuto, il sangue ed i suoi derivati).

Quali sono le motivazioni religiosi che li spingono? Quali dilemmi etici per Medici e Infermieri?

Perchè i testimoni di geova rifiutano i trapianti (di cui le trasfusioni)?

Per rispondere a questa domanda è opportuno rivolgerci direttamente al sito www.jw.org, sito ufficiale della comunità religiosa.

A riguardo si legge “È una questione di natura religiosa, non medica. Sia nell’Antico che nel Nuovo Testamento troviamo il chiaro comando di astenerci dal sangue (Genesi 9:4; Levitico 17:10; Deuteronomio 12:23; Atti 15:28, 29). Inoltre agli occhi di Dio il sangue rappresenta la vita (Levitico 17:14). Pertanto non accettiamo il sangue non solo per ubbidienza a Dio, ma anche in segno di rispetto per lui in quanto Datore di vita“.

Infermieri e Medici non hanno obblighi etici di somministrare il sangue anche contro l’evidente rifiuto?

No, tutt’altro. Al netto della rispettosa tristezza derivante la perdita di una vita umana e di un affetto per i propri cari, a livello di codici etici sia gli Infermieri che i Medici hanno documenti a riguardo.

Riguardo al Codice Deontologico Medico, si apprezza nell’articolo 35 il diritto alla non cura da parte del paziente (Il medico non intraprende né prosegue in procedure diagnostiche e/o interventi terapeutici senza la preliminare acquisizione del consenso informato o in presenza di dissenso informato).

Gli infermieri invece sono sottoposti all’Art. 3 (L’Infermiere cura e si prende cura della persona assistita, nel rispetto della dignità, della libertà, dell’eguaglianza, delle sue scelte di vita e concezione di salute e benessere, senza alcuna distinzione sociale, di genere, di orientamento della sessualità, etnica, religiosa e culturale.).

Ma anche all’Art. 25 (L’Infermiere tutela la volontà della persona assistita di porre dei limiti agli interventi che ritiene non siano proporzionati alla sua condizione clinica o coerenti con la concezione di qualità della vita, espressa anche in forma anticipata dalla persona stessa.)

Senza ovviamente mai dimenticare i diritti costituzionali che tutelano i cittadini (Art. 32 Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge).

Il rispetto quindi dei valori e credenze (come li raggruppava, tra le altre, la sempreverde Gordon) è un concetto che non si può estraniare dalla professione infermieristica e da quella medica. Nemmeno sui social.

Per quanto sia tremendamente duro vedere una vita finire.

Dott. Marco Tapinassi
Vice-Direttore. Infermiere, webwriter e coautore di libri sui concorsi pubblici. Immagina l'informazione come un fattore di crescita. Ama i biscotti, il suo cane Davos e non perde nemmeno un tè con il suo Bianconiglio.
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394