Pubblicità

UIL Fpl. Scandalo COVID Milano: la commissione d’inchiesta voluta dalla Regione Lombardia e dal Comune di Milano scarica responsabilità su dipendenti Pio Albergo Trivulzio. Medici, Infermieri, OSS, Professioni Sanitarie e altri dipendenti non ne hanno colpa.

“Apprendiamo con amarezza i contenuti del verbale della commissione istituita in data 8 aprile 2020 dalla ATS Milano su richiesta della Regione Lombardia e Comune di Milano, per fare chiarezza sulla gestione dell’emergenza COVID-19 presso il Pio Albergo Trivulzio” – si legge in una nota della segreteria territoriale della UIL Fpl.

“Evidenziamo il maldestro tentativo della commissione di addossare responsabilità al personale dipendente che con estremo sacrificio, pagando spesso sulla propria pelle, ha fatto di tutto per contrastare la pandemia ed assistere gli ospiti della struttura” – aggiungono dal sindacati.

Evidenziare più volte nella relazione conclusiva l’alto tasso di assenze del personale senza approfondire le motivazione delle stesse, denota una superficialità della commissione per chiudere in fretta una ferita dolorosa tentando di addossare responsabilità a chi non ha il potere di gestione.

Ecco il resto del Comunicato della UIL Fpl.

Come UIL FPL, non possiamo restare indifferenti nel vedere i nostri colleghi messi alla gogna dalla commissione di inchiesta, che ha “nostro parere” solo fretta di individuare vittime sacrificali e sacrificabili da dare in pasto ai mass-media, proprio tra i colleghi che fin da subito hanno segnalato quanto accadeva al PAT per seguire le linee guida regionali.

Utilizzare il temine “assenteismo” è offensivo e denigratorio verso il personale, nonché diffamatorio. Sembra un becero tentativo di distrarre l’opinione pubblica e i parenti degli ospiti che hanno perso un loro congiunto da quelle che sono le responsabilità sotto gli occhi di tutti.

Siamo certi che la magistratura farà bene il proprio lavoro mettendo a nudo le VERE responsabilità di chi doveva assicurare una fornitura costante di DPI, garantendo la sicurezza, senza lasciarsi distrarre dalle forvianti conclusioni di una commissione che ha individuato nei lavoratori una delle rilevanti concause di quanto è accaduto al PAT.

La UIL con i propri legali sta studiando le azioni necessarie a tutela dei lavoratori del Pio Albergo Trivulzio, non escludendo la propria costituzione come parte civile in un eventuale processo a Tutela dei Lavoratori.