TFS, Petriccioli (CISL): 100mila firme per equiparare pubblico e privato.

Cisl FP: TFS va equiparato tra pubblico e privato!

Dipendenti pubblici ampiamente svantaggiati.

Intervento del segretario Petriccioli (CISL FP) che annuncia: 100mila firme per un TFS più celere! “In attesa di leggere nel merito il parere della Corte Costituzionale, rileviamo che riguarda un caso specifico di pensionamento per ragioni diverse dal raggiungimento dei limiti massimi di età o di servizio. Le numerose cause che come Cisl Fp abbiamo avanzato, tra gli altri, nei fori di Roma, Milano, Genova, Ancona, costituiscono tutte fattispecie diverse”. Lo dichiara Maurizio Petriccioli, Segretario Generale Cisl FP, riferendosi alla nota dell’ufficio stampa della Corte Costituzionale in merito al pagamento differito dell’indennità di fine servizio.

“Come Cisl Fp – prosegue – siamo convinti che la battaglia delle lavoratrici e dei lavoratori pubblici italiani troverà esito positivo e che la Corte Costituzionale giudicherà illegittime le restrizioni che i legislatori hanno voluto imporre, penalizzando l’intero comparto pubblico”.

“Come Cisl, tra cartaceo e online, abbiamo raccolto oltre 100000 firme, organizzato assemblee in tutta Italia sul tema e portato il problema all’attenzione del parlamento e del governo. È la battaglia delle donne e degli uomini del lavoro pubblico e siamo intenzionati ad andare avanti in tutte le sedi. Non ci fermeremo”, conclude Petriccioli.

Fonte: Comunicato Stampa Cisl FP

Potrebbe interessarti...