Il Pronto Soccorso o lo ami o lo odi. Parola di Infermiera!
Il Pronto Soccorso o lo ami o lo odi. Parola di Infermiera!
Pubblicità

Il Pronto Soccorso ortopedico dell’Ospedale “Rizzoli” di Bologna sta scoppiando. Si è passati da 22.000 del 2009 su h24 ai 27.000 accessi nel 2019 su h12. Protesta FIALS, che chiede incontro con Direzione.

Scoppia il pronto soccorso del Rizzoli, FIALS chiede un incontro urgente con la direzione. È quanto emerge da una lettera inviata alla Direzione Generale dello I.O.R. dalla Segreteria Provinciale FIALS di Bologna e dai propri RSU del Rizzoli che mettono in evidenza dati allarmanti sull’attività di Pronto Soccorso ortopedico. Secondo il sindacato delle autonomie locali e della sanità si è passati dai circa 22000 accessi del 2009 su h24 agli attuali 27000 del 2019 distribuiti sulle h 12 vista la chiusura notturna.

Ne consegue un un’evidente aumento dei carichi di lavoro per gli operatori coinvolti con conseguenti ricadute sulla loro salute psicofisica e con risvolti sulla qualità clinico assistenziale erogata verso gli utenti.

Gli operatori inoltre si trovano a dover svolgere la loro professione con un surplus di ore effettuate per gestire l’ iperafflusso, ore non retribuite secondo gli accordi stabiliti nel lontano 2009 e che sono un offesa alla loro professionalità ed impegno, oltre ad avere risvolti negativi per dal punto di vista economico.

“Chiediamo quindi un incontro urgente per definire la situazione emersa e definire i reali bisogni funzionali del pronto soccorso” – riferiscono il Segretario Provinciale FIALS Alfredo Sepe e il Vice-Segretario Aziendale FIALS IOR Corvino Giovanni.