Aggressioni Infermieri e Medici Sicilia: Prefettura risponde a Fsi-Usae.
Aggressioni Infermieri e Medici Sicilia: Prefettura risponde a Fsi-Usae.
Pubblicità

Contagi Covid all’ospedale di Caltagirone. Fsi-Usae: “Soddisfatti per i provvedimenti presi dalla direzione e auguri di pronta guarigione ai colleghi”.

Dopo i casi di continui contagi presso l’ASP di Catania, dove diversi operatori e diversi pazienti sono risultati positivi al Coronavirus, e le relative proteste del sindacato FSI-USAE, la direzione aziendale è corsa ai ripari.

“In seguito alle nostre segnalazioni all’Asp di Catania e agli organi di stampa nei giorni scorsi dei casi accertati di positività tra gli operatori sanitari del reparto di cardiologia del presidio ospedaliero di Caltagirone, la nostra Organizzazione Sindacale Fsi-Usae Federazione Sindacati Indipendenti organizzazione costituente della Confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei, si ritiene soddisfatta per i provvedimenti e le precauzioni presi dalla direzione nel circoscrivere il focolaio” – spiegano il segretario regionale e territoriale Catania, Calogero Coniglio e i componenti della segreteria territoriale Salvatore Bellia e Maurizio Cirignotta, quest’ultimo componente della Rsu all’Asp Catania.

“Ci auguriamo che al più presto l’unità operativa di cardiologia di Caltagirone posta a tutela dei Lavoratori e dei cittadini, ritorni nelle condizioni di ripristino delle attività ambulatoriali e di ricovero. Cogliamo occasione per porgere i migliori auguri di pronta guarigione ai colleghi sanitari che attualmente sono in isolamento domiciliare affinchè possano tornare in servizio” – concludono i sindacalisti.