Pubblicità

Il sindacato Nursing Up sposa il flash mob del Movimento Nazionale Infermieri e auspica l’unità di tutta la categoria professionale.

Il Presidente del Sindacato Infermieri Italiani accoglie con entusiasmo la notizia della manifestazione del prossimo 15 giugno a Catania che ambisce di portare in piazza migliaia di colleghi del Movimento Nazionale Infermieri: «Auspico la migliore riuscita dell’evento ed invito i colleghi del movimento ad unire le forze per le prossime iniziative, per dare voce a istanze comuni e rendere più forte la portata di una battaglia storica».

«Tutti uniti, scendiamo nelle strade e nelle piazze, sotto un’unica bandiera, non contino le sigle, le divise e i loghi di appartenenza. Perché siamo infermieri, infermieri italiani, combattiamo per le stesse istanze e portiamo avanti gli stessi obiettivi».
Antonio De Palma, presidente del Nursing Up, Sindacato Infermieri Italiani, accoglie con entusiasmo la notizia della manifestazione del prossimo 15 giugno organizzata dal neonato Movimento Nazionale Infermieri e rivolge loro un accorato appello.
«Stiamo lottando tutti, in ogni dove, per dare peso specifico e dignità a queste manifestazioni. Non conta chi le organizza e dove si tengono, la nostra è una battaglia di civiltà, i cittadini lo hanno compreso, ci sono vicini, ci hanno applaudito durante i recenti flash mob. Sono dalla nostra parte. A differenza di una classe politica cieca, insensibile, che ha fatto dell’indifferenza nei nostri confronti lo strumento per ripagarci degli sforzi che abbiamo profuso sul campo durante la pandemia.
Sono entusiasta del fatto che tanti colleghi scenderanno in strada in Sicilia e con il pensiero sarò al loro fianco. Auspico per la loro manifestazione la migliore riuscita possibile.
Questo è il momento, continua De Palma, dobbiamo perseguire un obiettivo comune e massimizzare gli sforzi. Abbiamo gli stessi interessi, abbiamo lottato contro lo stesso nemico subdolo e invisibile a costo della vita. Siamo pronti a rifarlo se fosse necessario.
Nursing Up chiede a tutti i colleghi italiani di combattere uniti.
Nursing Up plaude a quella unione di forze capace di trarre spunto dal nostro essere professionisti sanitari, una collettività caratterizzata da un forte senso di appartenenza, che finalmente dimostra di essere matura per valicare le cosiddette “differenze di divisa”. Oggi non conta essere iscritti o meno, se teniamo davvero al nostro futuro professionale abbiamo la possibilità di costruire un muro di lotta e di autorevolezza che non potrà che consegnarci i risultati che chiediamo.
Possiamo essere davvero tutti uniti, possiamo esserlo ora come non mai, e siamo anche ben accompagnati, sottolinea De Palma con orgoglio, perché in questi giorni non si muove solo la nostra coscienza ma lo stanno facendo anche i cittadini, perchè la gente ci sostiene e ci attesta la loro vicinanza.
Per questo invito senza indugio gli amici e i colleghi del Movimento Nazionale Infermieri o di qualsiasi altro gruppo a contattarci in qualsiasi momento per dare valore comune e coeso alle future rivendicazioni, forti anche del fatto che rappresentiamo tutti le medesime istanze», conclude il Presidente del Nursing Up.