histats.com
sabato, Febbraio 24, 2024
HomeInfermieriAssociazioni InfermieristicheNursing Up: «Alla Sanità italiana mancano soprattutto infermieri, altro che medici».

Nursing Up: «Alla Sanità italiana mancano soprattutto infermieri, altro che medici».

Pubblicità

De Palma (Nursing Up): «Alla Sanità italiana mancano soprattutto infermieri, altro che medici. Lo conferma l’autorevole report dell’Osservatorio sui Conti Pubblici (Ocp)».

«Mentre rimaniamo speranzosi, che la nuova Manovra Economica del Governo possa stanziare maggiori fondi per la sanità, prevedendo finalmente quel congruo aumento di stipendio che il nostro sindacato chiede da tempo, ecco questo nuovo ed autorevole report, che conferma il senso delle nostre battaglie e delle nostre inchieste in merito alla carenza di professionisti».

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up.

Secondo lo studio

dell’Osservatorio sui Conti Pubblici, il numero dei camici bianchi, in questo caso quelli specializzati, sarebbe addirittura superiore alla media di alcuni paesi europei, ma la classifica è capovolta se si guarda agli infermieri.

E per di più

sempre secondo questo report (cosa che abbiamo sempre sostenuto) la differenza economica tra le due categorie è tra le più alte d’Europa.

Ma è davvero così?

Dal confronto della situazione tra i diversi Paesi europei, quello che emerge è un quadro molto articolato.

Andiamo con ordine

Innanzitutto, partiamo dal numero di lavoratori nella sanità. Nel 2019, stando ai dati Ocse, nei Paesi Ue avanzati, e quindi membri dell’organizzazione, in media gli addetti del settore erano pari a 49 ogni 1000 abitanti, con Danimarca, Paesi Bassi, Finlandia e Svezia che registrano i valori più elevati (rispettivamente 90, 86, 80 e 78). Francia e Regno Unito si collocano sopra la media di 10 unità.

Valori più bassi

si osservano invece nei Paesi mediterranei e dell’Est. La Grecia ha il più basso numero di unità di personale socio-sanitario (24 operatori ogni 1000 abitanti), seguita da Polonia, Slovacchia, Lettonia (26). Più vicini alla media europea sono invece Portogallo, Spagna e Italia (rispettivamente 39, 33 e 33).

Per quanto riguarda i singoli Paesi

la Germania ha il numero di infermieri più alto di tutta Ue (1.756 ogni 100 mila abitanti, rapporto 4 a 1), seguita da Finlandia (1.385) e Irlanda (1.341), contro una media europea di 996.

Ben 17 paesi

hanno registrato un numero di infermieri inferiore. In Italia ad esempio, il rapporto tra il numero di infermieri e medici è di circa 2 a 1: per arrivare ai livelli europei servirebbero in pratica 309 infermieri in più ogni 100mila abitanti.

Signori miei i dati sono questi

ed appare chiaro, leggendoli, che non è solo il Nursing Up che da due anni a questa parte ribadisce fermamente quanto risulta dalle rilevazioni ufficiali, e cioè che mancano molti più infermieri che medici.

Di fronte a questa ennesima autorevole indagine

siamo meravigliati di leggere ancora inspiegabili posizioni di chi sostiene, al di là dell’evidenza, che l’emergenza sanitaria nazionale sia legata principalmente alla carenza di camici bianchi.

Aggiornati al 2022

inoltre, i dati Ocse, supportati da quelli dell’Agenas, rivelano ancora senza mezzi termini che il rapporto infermieri-pazienti è decisamente più basso, in Italia, della maggior parte dei paesi europei, rispetto invece a quello dei medici-pazienti che è ben poco al di sotto della media del Vecchio Continente.

Quattro medici ogni mille abitanti

in fondo non ci sembra un dato tanto disastroso, rispetto per esempio ai 3,03 di Francia e Regno Unito.

A differenza

di quanto accade invece per gli infermieri, passati dal drammatico 5,5 del 2021 ogni mille cittadini, al 6.2 dell’anno in corso.

Tutto questo rappresenta

un gap enorme, all’apparenza incolmabile, rispetto ai 18 di Svizzera e Norvegia, agli 11 della Francia, i 13 della Germania e gli 8,2 del Regno Unito.

In poche parole

già il report Ocse-Agenas conferma senza mezzi termini che il numero dei medici, ad oggi, sarebbe in sostanza “congruo”, o comunque in alcuni casi ben poco al di sotto anche della media, mentre quello degli infermieri risulta drammaticamente “insufficiente”.

Se di carenza si può parlare

nel mondo medico, è riferita ai medici di base, lo rivela ancora questo rapporto. In Italia, dal 2019 al 2021 il numero dei medici di medicina generale si è ridotto di 2.178 unità e quello dei Pediatri di libera scelta di 386 unità.

Appare chiaro

che siamo di fronte a numeri rilevanti ma che non sono certo paragonabili a quelli che riguardano appunto la mancanza degli infermieri

Si guardi in faccia alla realtà

conclude De Palma. E si comprenda, finalmente, senza nascondersi, che la carenza infermieristica è una delle piaghe più gravi e irrisolte a cui porre rimedio del nostro sistema sanitario».

_______________________________________

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AsssoCareNews.itLINK
RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394