conte speranza governo dpcm zone legge decreto natale
Pubblicità

Come festeggeremo Natale e festività 2020? Ecco il Piano del Governo in vista del prossimo DPCM. Restrizioni ma anche riaperture, la situazione sarà personalizzata.

Il Natale 2020 si avvicina e il governo studia un alleggerimento delle misure anti Covid a partire dal 3 dicembre. Intanto, però, nella giornata di venerdì il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato una nuova ordinanza per confermare le “zone rosse” in Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta, alle quali si è poi aggiunto l’Abruzzo. Sempre venerdì, il monitoraggio dell’Iss ha evidenziato un miglioramento della situazione generale in Italia.

Covid, verso il nuovo dpcm: le misure previste.

La strategia concordata tra governo e Regioni, si legge sul ‘Corriere della Sera’, prevede di arrivare al 3 dicembre con un’Italia quasi interamente in “zona arancione” o in “zona gialla”.

Per quella data è previsto un nuovo dpcm, con possibili allentamenti per quanto riguarda l’orario prolungato dei negozi. La riapertura dei centri commerciali il sabato e nei giorni festivi, l’apertura di bar e ristoranti la sera anche nelle “zone arancioni” e il coprifuoco a mezzanotte persisteranno.

Due settimane dopo, tra il 17 e il 24 dicembre, sulla base del monitoraggio settimanale dell’Iss, si deciderà poi l’eventuale mantenimento delle misure meno rigide o l’introduzione di nuove chiusure in vista delle festività.

Covid, la situazione regione per regione.

Il ‘Corriere della Sera’ propone anche un’analisi, regione per regione, dell’attuale situazione Covid: Lombardia e Piemonte, confermate in “zona rossa” da Speranza, stando al monitoraggio sarebbero già tecnicamente in zona arancione.

Il sistema di classificazione prevede, però, che ci sia un periodo di consolidamento del dato positivo prima di poter cambiare fascia e questo accadrà il 27 novembre.

La settimana seguente, quando il governo varerà le nuove regole, Lombardia e Piemonte potrebbero, quindi, allentare le loro misure. Non si esclude che possano anche finire in “zona gialla”.

Questa possibilità, invece, sembra da escludere per la Calabria, che è ancora in situazione critica, e per la Valle d’Aosta, ancora in piena “zona rossa”.

In bilico è la situazione della Puglia, che venerdì ha rischiato di diventare “zona rossa”, e della Sicilia, dove la situazione non è ancora ottimale.

Il 3 dicembre sarà deciso il destino della Campania e della Toscana, entrate in “zona rossa” il 13 novembre. Inoltre sarà stabilito se Emilia-Romagna e Marche potranno tornare in “zona gialla”.

Virgilio.it riporta invece come il giorno prima, invece, verrà valutata la situazione della Liguria, in “zona arancione” dall’11 novembre.

Le Regioni “osservate speciali” sono il Friuli-Venezia Giulia (“zona arancione”), il Molise (“zona arancione”) e il Veneto (“zona gialla”), che secondo i dati del monitoraggio “sono classificate con un rischio moderato ma con probabilità alta di progredire a rischio alto nel prossimo mese”.

Il Lazio, infine, è la Regione che mostra il miglior risultato.

Insomma sarà un Natale diverso ma ancora è presto per avere certezze.

DPCM, tutte le restrizioni per Zona Rossa, Zona Arancione e Zona Gialla.