Medici, Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari senza mensa.

Medici, Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari senza mensa.
Medici, Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari senza mensa.

Denuncia firmata FIALS Bologna.

La segreteria provinciale di Bologna del sindacato delle autonomie locali e della sanità FIALS chiede l’istituzione del servizio mensa per Medici, Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari della Casa della Salute di Sasso Marconi, così come accade per i dipendenti delle identiche strutture di Casalecchio e Vergato. A chiederlo a gran voce Alfredo Sepe, segretario provinciale del sindacato in questione, che da tempo si sta battendo per il rispetto dei diritti dei lavoratori dell’Azienda Unità Sanitaria Locale bolognese.

Ecco la missiva della FIALS.

– Al Direttore Generale USL Bologna

– Spett.le Ufficio Relazioni Sindacali

Oggetto: Mensa Casa della Salute Sasso Marconi – Sicurezza Presidio – Richiesta Intervento Urgente.

Spettabile Direttore, le scrivo per metterla a conoscenza di una carenza strutturale e logistica riguardante la casa della salute succitata, nel merito, ad oggi non esiste un luogo dedicato per la consumazione del pasto.

Tale circostanza rappresenta una discriminazione palese tra dipendenti della Casa della Salute di Casalecchio e della Casa della Salute di Vergato (sono provviste di locali Mensa) e quelli della Casa della Salute di Sasso Marconi ne sia sprovvista da sempre.

Da una prima analisi sommaria, si potrebbero utilizzare alcuni locali utilizzati per poche ore a settimana da alcuni professionisti (potrebbero condividere alcuni uffici), oppure individuare altri spazi inutilizzati (anche di dimensioni irrisorie), visto che il personale che ruota su Sasso Marconi è inferiore alle 15 unità

Le ipotesi succitate, non andrebbero a modificare né l’eziologia, né la morfologia dei locali, ma risolverebbero un problema annoso, che impatta sulla salute psico/fisica dei dipendenti che non possono effettuare un pasto completo (come invece tutti gli altri dipendenti della USL di Bologna); ad oggi esiste una convenzione con alcuni esercizi commerciali che non offrono un pasto sano e completo.

Viste le circostanze, chiediamo un suo interessamento diretto ( come per la Mensa della Casa della Salute di Casalecchio) in modo da eliminare discriminazioni e permettere agli operatori di effettuare un pasto completo.

A nostro avviso la soluzione (consumare il pasto nei locali del Comune di Sasso Marconi) risulta inidonea dal punto di vista logistico/organizzativo e strutturale, inoltre sussistono anche problematiche di sicurezza, la struttura è frequentata da balordi e sconosciuti, che mettono a rischio la salute e la sicurezza di operatori e degenti.

Dott. Alfredo Sepe 

Segretario Provinciale FIALS Bologna

Potrebbe interessarti...