Primo Maggio: Fials chiede lavoro più sicuro in sanità.
Primo Maggio: Fials chiede lavoro più sicuro in sanità.
Pubblicità

Troppe carente di Infermieri, Operatori Socio Sanitari e Professioni Sanitarie. La FIALS sul piede di guerra a Potenza.

La Fials interviene sulla grave e Cronica Carenza personale presso l’U.O di Geriatria del San Carlo di Potenza: “Le nuove norme sulla gestione dell’emergenza Covid 19 rendono più grave e insostenibile la cronica carenza di personale patita dalla Geriatria del San Carlo e più volte denunciata dalla Fials” – lo riferisce il segretario Giuseppe Costanzo, che rilancia l’allarme.

Scrivendo al Direttore Generale dell’A.O.R San Carlo, Massimo Barresi e diffidandolo a integrare immediatamente il personale carente: “E’ l’ennesima volta – sottolinea il Segretario Provinciale della Fials- Confsal – che segnaliamo alla direzione strategica la cronica carenza di Infermieri e OSS presso il Reparto di Geriatria. Una carenza ancor più grave in questi giorni in cui l’ospedale è svuotato dalla presenza dei familiari per le necessità di contrasto all’emergenza Covid 19. Eppure, nonostante le rassicurazioni del dirigente Infermieristico, nessuna iniziativa è stata presa dopo le nostre segnalazioni e la realtà supera ormai il limite di ogni ragionevole buon senso”.

Il responsabile sindacale denuncia esplicitamente l’assoluta inadeguatezza del servizio fornito: “La carenza di infermieri e di Oss non consente di erogare prestazioni qualitativamente e quantitativamente adeguate alla complessità assistenziale. Nel reparto di geriatria aumenta significativamente la necessità della cura della persona malata. Un aspetto che non può essere liquidato come semplice “trattamento alberghiero” ma costituisce un elemento essenziale del percorso terapeutico e della necessità di scongiurare ulteriori patologie”.

A parere della Fials questa situazione compromette gravemente i LEA e di sicurezza in considerazione anche delle molteplici e specifiche attività da svolgere, difficilmente gestibili con un numero esiguo di personale Infermieristico e di operatori di supporto (OSS).

Giuseppe Costanzo richiama inoltre il sistematico demansionamento del personale. Proprio per l’implacabile intreccio tra cura e assistenza personale, gli infermieri sono chiamati a fornire un’ampia gamma di prestazioni improprie, in violazione dell’art. 52 del D.Lgs. 30.03.2001 n. 165, ed in particolare: aiuto nell’assunzione dei pasti, ritiro delle vettovaglie, cure igieniche, accompagnamento in bagno, cambio pannoloni, aiuto nelle operazioni fisiologiche, aiuto nel cambio della biancheria, rifacimento letti, risposte ai campanelli, mobilizzazione ecc.

“Il protrarsi di questa situazione – denuncia il segretario provinciale della Fials – danneggia al tempo stesso il Personale, esposto a un serio rischio di danno psicofisico e l’utenza, che riceve un’assistenza carente. Del resto, si è oramai consolidata una giurisprudenza uniforme: le ferie sono un dovere e non solo un diritto dei lavoratori. Il mancato riposo, infatti, peggiora la qualità della prestazione erogata e quindi danneggia il sistema sanitario. Invece alla Geriatria del San Carlo i lavoratori continuano ad accumulare ferie non godute e siamo alla vigilia delle ferie estive”.

“Per tutto ciò – conclude la lettera al direttore generale Barresi – la Fials diffida l’amministrazione affinché provveda immediatamente all’integrazione del personale carente. Diversamente si vedrà costretta ad inviare una segnalazione alla Procura della Repubblica per la verifica dell’eventuale minaccia alla salute dei degenti e del personale, stressato da notevoli carichi di lavoro, chiedendo di sottoporre il personale a visita medica e relazione medico-legale, con responsabilità aggravata ai sensi dell’art. 96 C.P.C., considerata la reiterata riluttanza alla tutela della salute dei lavoratori ed alla prevenzione dei pregiudizi di cui all’art. 2087 C.C.. senza ulteriore avviso.