histats.com
mercoledì, Ottobre 20, 2021
Pubblicità
HomeIn evidenzaLe segreterie di FP CGIL, CISL FP e UIL FPL Puglia scrivono...

Le segreterie di FP CGIL, CISL FP e UIL FPL Puglia scrivono al governatore Emiliano: «Alle parole seguano i fatti!»

Le segreterie di FP CGIL, CISL FP e UIL FPL Puglia scrivono al governatore Michele Emiliano. “Avendo appreso – purtroppo – dalla stampa dell’impegno dello stesso Emiliano, nell’ambito di un’iniziativa organizzata dall’ARSOTA, a coprire il 50% dei maggiori oneri derivanti dall’applicazione del rinnovato contratto della Sanità Privata, ci aspettiamo atti consequenziali”.

È opportuno ricordare che non è un’elargizione!

È un impegno assunto nell’ambito della Conferenza delle Regioni – di cui il nostro governatore riveste la carica di vice presidente!!! – al sol fine di traghettare il rinnovo del contratto della sanità privata. È quasi un anno che quel contratto è stato rinnovato (ottobre 2020) e non tutti gli operatori del settore hanno visto pienamente esigibili i risultati acquisitivi di quel CCNL a causa proprio dell’assenza di un atto ufficiale in tal senso da parte della Regione Puglia (tra le pochissime Regioni inadempienti).

Sul tema abbiamo tenuto diversi incontri (sollecitati da annunci di manifestazioni di protesta) e messo in piedi una mobilitazione a fine luglio senza mai avere il piacere di poter interloquire con il Presidente in persona sull’argomento e poter far assumere un impegno di questa portata. Vorremmo evitare di ritrovarci di fronte ad uno dei tanti soliti proclami e basta! Urge una delibera di giunta per togliere l’alibi a tutti quei datori di lavoro che non ottemperano completamente agli obblighi contrattuali.

Alle parole – ci aspettiamo – seguano i fatti! Approfittiamo dell’occasione per ricordare al Presidente che – sul tema – nella nostra regione si consuma un’ingiustizia decennale. Nella riabilitazione ex art. 26, a parità di tariffa (calcolata sul contratto della sanità privata) ogni struttura accreditata e convenzionata per l’erogazione di prestazioni riabilitative applica il contratto che più aggrada, determinando il tal modo dumping contrattuale tra lavoratori e concorrenza sleale tra datori di lavoro.

Il tutto a spese della collettività.

Una vicenda su cui abbiamo speso fiumi di parole e su cui sembrava esserci la buona volontà (politica) di venirne a capo. Ad oggi questa vicenda non vede ancora luce in fondo al tunnel e noi siamo prossimi alla proclamazione dello sciopero regionale del settore. Anche in questo caso ci aspettiamo atti concreti. L’alternativa, per rendere giustizia ad oltre un migliaio di lavoratrici e lavoratori, è bloccare il servizio. L’appuntamento è dietro l’angolo, salvo colpi di scena…concreti, non parole!

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394