Pubblicità

Gli Infermieri pugliesi schiavi delle aziende sanitarie: graduatorie mobilità mai pubblicate. Protestano Fials e Movimento Giovanile Fials Taranto.

Bloccate le graduatorie di mobilità o mai rese pubbliche in Puglia. Sia quelle extra che intra-regionali. Protestano la segreteria territoriale tarantina della FIALS e mi movimento giovanile dello stesso sindacato: “e non è tutto, i nulla osta per i trasferimenti non sono stati ancora concessi”.

Il sindacato pertanto chiede tempi più celeri per il rilascio dei nulla osta in uscita da parte delle aziende nella fattispecie chiede di:

  • definire i tempi di rilascio dei nulla osta in entrata ed in uscita per il personale infermieristico che ha prodotto domanda di mobilità partecipando ai bandi indetti nel sud Italia;
  • fornire in linea generale maggiore attenzione alle procedure di mobilità, ivi inclusa quella per compensazione per tutto il personale Sanitario;
  • pubblicare la graduatoria di mobilità regionale ed extraregionale indetta da Asl Bari, dando la possibilità a professionisti pugliesi che ogni giorno combattono contro il COVID-19 nelle corsie degli ospedali di tutta Italia di ricongiungersi ai propri familiari senza dover affrontare una ulteriore procedura concorsuale per selezione, esattamente come i colleghi stabilizzati da solo avviso pubblico per titoli (che non hanno sostenuto prove concorsuali).

Il movimento giovani FIALS viole, quindi:

  • liberare i lavoratori dalla prigionia della distanza dai nuclei familiari;
  • eliminare e/o ridurre lunghi tempi di viaggio affrontati quotidianamente o saltuariamente dopo ogni giornata lavorativa.

Secondo il nuovo CCNL i criteri che devono essere necessariamente inseriti nei bandi di mobilità pubblicati dalle aziende sono:

  • Rispetto della categoria e del profilo professionale dei dipendenti in relazione al posto da coprire;
  • Indicazione delle procedure e dei criteri di valutazione;
  • Possibilità di partecipazione consentita a tutti i dipendenti in possesso dei requisiti di esperienza e competenza indicati nel bando;
  • La mobilità non comporta l’inizio di un nuovo rapporto di lavoro Il fascicolo personale segue il dipendente trasferito.
  • Fermo restando che l’attivazione della mobilità richiede il consenso dell’azienda di appartenenza (nulla osta), la partecipazione al bando può avvenire anche senza il preventivo assenso della stessa.

La MOBILITÀ sembrerebbe quindi concretizzabile per i colleghi che dopo tanti sacrifici vogliono ritrasferirsi nelle proprie città di origine e/o porre fine ai pendolarismo quotidiano… ma “osteggiata” da alcune aziende e al momento “congelata” dalla Regione Puglia.

Sono vari gli interventi che Fials Taranto propone al governo a iniziare da modifica del testo di legge Articolo 30 Testo unico sul pubblico impiego (TUPI, D.lgs. 30 marzo 2001, n. 165) eliminando la parte che di fatto blocca il 90% dei dipendenti pubblici del comparto sanità: “previo assenso dell’amministrazione di appartenenza” .

Fino a qualche anno fà nel comparto sanità era così invece oggi tutti noi sappiamo quante migliaia e migliaia di colleghi sono bloccati dalle aziende che non concedono nulla osta.
introduzione di nuove procedure per la determinazione dei fabbisogni standard di personale delle amministrazioni pubbliche, per il trasferimento tra le sedi centrali di differenti ministeri, agenzie ed enti pubblici non economici nazionali non è richiesto l’assenso dell’amministrazione di appartenenza, la quale dispone il trasferimento entro (2-3-4-5 decidete voi ) mesi dalla richiesta dell’amministrazione di destinazione, fatti salvi i termini per il preavviso e a condizione che l’amministrazione di destinazione abbia una percentuale di posti vacanti superiore all’amministrazione di appartenenza.

Inoltre Per agevolare le procedure di cambi compensativi la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica potrebbe istituire un portale finalizzato all’incontro tra la domanda e l’offerta di mobilità.

Francesco Ruggiero
MOVIMENTO GIOVANI FIALS TARANTO

Fabio Andrisano
SEGRETARIO GENERALE FIALS TARANTO