Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: rischio perdita 1000 euro annui su stipendi.

Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: rischio perdita 1000 euro annui su stipendi.
Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: rischio perdita 1000 euro annui su stipendi.

L’allarme lanciato dalla Fials provinciale di Bologna

Infermieri, OSS e Professionisti Sanitari rischiano di vedersi decurtare dallo stipendio circa 1000 euro annui. E’ l’allarme lanciato dalla FIALS provinciale di Bologna ed è relativo ad accordi tra sindacati, ospedali pubblici e aziende sanitarie del capoluogo dell’Emilia Romagna. A scendere nuovamente in campo è il segretario Alfredo Sepe che punta il dito contro Cgil, Cisl e Uil rei, a suo dire, di aver affacciato proposte dannose per i lavoratori sulle indennità di turno.

Vediamo cosa scrive Alfredo Sepe in una nota diramata agli organi di stampa

Indennità di Turno – Bocciatura Netta Proposta CGIL CISL UIL – Richiesta Accoglimento Proposta FIALS

Siamo da tempo impegnati nel tentativo di armonizzare le indennità di turno H 12 – H 24, al fine di salvaguardare il salario di tutti i lavoratori, che senza l’accoglimento delle nostre proposte potrebbe diminuire di circa 1000 euro annui.

Nei gruppi tecnici abbiamo illustrato una soluzione semplice e veloce, in particolare l’inserimento diun turno di lunghetta al mese, che abbracci M e P, in modo da rispettare il dettato contrattuale , le esigenze aziendali ed i diritti dei lavoratori

Non ultimo, l’aumento stabile del valore economico della indennità notturna e di pronta disponibilità,in modo da lasciare l’impianto della turnazione sostanzialmente invariato, ma elargendo la stessa somma economica ai lavoratori

CGIL CISL UIL hanno proposto di compensare l’indennità con un progetto (che di norma durasolo un anno, non se ne conosce il valore economico ed i tempi del pagamento) insomma una proposta a nostro avviso contro i lavoratori, infatti se i lavoratori prendono il progetto per le indennità che perdono, perderanno i progetti aziendali che vengono pagati ogni anno

Senza l’accoglimento della nostra proposta saranno penalizzati tutti i lavoratori, in particolare i CSM, AMBULATORI, DOMICILIARI, CASE della SALUTE e tutti reparti H 24 dell’Azienda

Se le nostre proposte non verranno accolte, siamo pronti a mettere in campo iniziative di lotta e di protesta a salvaguardia di tutti i lavoratori.

Alfredo Sepe – Segretario FIALS Bologna

Potrebbe interessarti...