Pubblicità

Le divise di Infermieri, OSS e Professionisti Sanitari si ritirano in un sotto-scale quasi sempre allagato. Proteste della FIALS a Livorno. Possibile che si debba “nuotare” per ritirarle?

Per prendere le divise spesso Infermieri, OSS e Professionisti Sanitari dell’ospedale di Livorno spesso i lavoratori sono costretti a “nuotare”. E’ la provocazione della segretaria FIALS di Livorno. Nei giorni scorsi la sindacalista Daniela Boem ha inviato alla direzione dell’USL Toscana Nord Ovest e del Presidio ospedaliero livornese una dura missiva di protesta con la quale si denuncia lo stato di degrado in cui versano i distributori automatici di divisa, immersi spesso nell’acqua.

Da evidenziare che gli stessi distributori funzionano a corrente elettrica e che continuano ad essere bagnati da infiltrazioni piovane mettendo in serio pericolo l’incolumità dei lavoratori dell’azienda.

Ecco la missiva della FIALS di Livorno.

Richiesta interventi urgenti di carattere strutturale per mettere in sicurezza il personale.

Possibile che per ritirare le divise si debba farlo a "nuoto"?
Possibile che per ritirare le divise si debba farlo a “nuoto”?

Con la presente chiediamo un intervento urgente per trovare diversa collocazione al DISTRIBUTORE DELLE DIVISE posizionato sotto le scale di accesso al piano seminterrato presso spogliatoi personale Dipartimento Emergenza ed Urgenza P.O. LIVORNO. La collocazione scelta è chiaramente pericolosa in quanto il distributore è posizionato sotto la scala e poggia sul pavimento che è quasi costantemente allagato anche senza il verificarsi di eventi atmosferici eccezionali.

Quindi per accedervi il personale rischia di scivolare e non si esclude che possa entrare in contatto con componenti elettriche. Al contempo abbiamo preso visione delle gravi infiltrazioni di acqua dal soffitto che rendono inagibili i LOCALI DEL GARAGE collocato nel P.O. di Livorno e hanno danneggiato gli impianti elettrici. Anche in questo caso trattasi di una problematica strutturale che è stata sottovalutata nel tempo e che adesso, con queste ulteriori precipitazioni atmosferiche, ha comportato la definitiva chiusura dei locali.

Nonostante questa situazione stia complicando notevolmente le condizioni lavorative degli autisti alla scrivente organizzazione sindacale non è pervenuta nessuna informazione da parte della azienda sulla situazione verificatasi, sulle modalità adottate per mettere in sicurezza il personale e continuare a fare funzionare il servizio e neppure sui programmi di intervento necessari per ripristinare i locali e la loro tempistica.

Con la presente chiediamo, inoltre, di essere messi a conoscenza di tutte le situazioni di disagio lavorativo e pericolo per i dipendenti conseguenti ad allagamenti, infiltrazioni e quant’altro abbia danneggiato i locali di lavoro.

Restiamo in attesa di sollecito riscontro.

Dirigente Provincialele FIALS Livorno
Daniela Boem