bollettino covid coronavirus
Pubblicità

Terza ondata Covid. Aziende sanitarie disorganizzate. Proclamato a Bologna dalla Fials lo stato di agitazione di Medici, Infermieri, Oss e Professioni Sanitarie.

La FIALS di Bologna, il sindacato più rappresentativo delle professioni sanitarie sulle aziende bolognesi, ha inviato una missiva ( in allegato) al Prefetto di Bologna per proclamare lo Stato di Agitazione Sindacale dei 13.000 dipendenti della sanità metropolitana,​ saranno coinvolti medici, infermieri, Oss e tutte le altre professioni tecnico/sanitarie/amministrative​.

Lo comunica ad AssoCareNews.it il segretario provinciale Alfredo Sepe.

Sono chiamati al Tavolo della Prefettura i 4 Direttori Generali, se non si troverà un accordo la FIALS di Bologna è pronta a proclamare uno Sciopero Generale di 24 Ore, che potrebbe paralizzare tutta la sanità bolognese​.

Al centro dello scontro è la disorganizzazione delle aziende in questa cosiddetta terza ondata, i carichi di lavoro degli operatori sono insostenibili, si parla anche di 13 ore al giorno di lavoro, ferie che saltano, rientri sul giorno di riposo, i contagi aumentano (in 1 anno quasi 1400 operatori contagiati) ad oggi ancora 4000 da vaccinare, ma le criticità sono legate anche alla carenza di organico visto che le aziende assumono poco nonostante ci siano graduatorie attive , mancano inoltre percorsi dedicati al passaggio di pazienti infetti, che stazionano in reparti puliti contagiando anche gli altri pazienti e gli operatori,​ inoltre non si ferma la libera professione nonostante la carenza di personale e di letti, ancora una volta si dà priorità alla logica del profitto , ricordiamo che negli ultimi anni a bologna hanno chiuso circa 800 posti letto​.

Le Aziende hanno avuto 12 mesi per organizzarsi, ma non lo hanno fatto, gli operatori non sono carne da macello e sono pronti ad incrociare le braccia Scioperando per 24 ore, ormai sono al limite ed allo stremo delle forze , ci si ammala in corsia, si rischia ormai la vita​.

3 COMMENTS

Comments are closed.