histats.com
domenica, Settembre 26, 2021
Pubblicità
HomeInfermieriSindacato e PoliticaDPCM, Conte: ecco come chiuderà l'Italia.

DPCM, Conte: ecco come chiuderà l’Italia.

Ai dettagli il nuovo DPCM che il primo ministro Conte ha appena anticipato: Ci saranno diverse aree che corrisponderanno a lockdown totale o parziale. Coprifuoco per tutti.

Coprifuoco, Lockdown, scuola.

Questi i nodi centrali su cui si è soffermato l’esecutivo nell’elaborazione del nuovo DPCM, ormai ai dettagli.

Il nuovo decreto dovrebbe uscire nelle prossime 36 ore, non è esclusa infatti l’anticipazione a stasera, in base ai dati del bollettino di oggi.

Regioni ad alto rischio.

Già nella comunicazione di ieri al Senato, il premier aveva sostenuto che “Avremo una fascia riservata alle Regioni a rischio alto, di scenario 4, con le misure più restrittive, poi avremo seconda una fascia, con Regioni a rischio alto ma compatibili con lo scenario tre, con misure lievemente meno restrittive; infine ci sarà una terza fascia con tutto il territorio nazionale per le restanti regioni”.

Coprifuoco.

Scatta il coprifuoco in tutta Italia. La decisione sull’orario preciso di attivazione avverrà in queste ore, si valutano comunque le 3 opzioni 20, 21 e 22, con il valore intermedio dato come il più papabile.

Lockdown, 3 Scenari: Zona Rossa, Arancio e Gialla.

Rossa, arancione o gialla. Sono i tre scenari di rischio che nel dpcm in arrivo individueranno le zone da sottoporre a restrizioni in base all’andamento della pandemia da coronavirus che corre in Italia, come nel resto d’Europa e del mondo.

Gli ingressi e le uscite delle regioni e delle province autonome dai tre scenari saranno decisi con ordinanza del ministero della Salute.

Zona Rossa, Lockdown.

Attualmente, come confermato da IlSole24Ore.it, sono tre le regioni che rischiano di dover adottare subito le misure più restrittive della zona Rossa:

  • Piemonte;
  • Lombardia;
  • Calabria.

Altre sono invece in fase di valutazione stretta e candidate papabili alla zona rossa nei prossimi giorni (forse anche entro il fine settimana): Campania, Liguria, provincia autonoma di Bolzano, Valle d’Aosta, Liguria e Puglia.

I lockdown all’interno delle zone rosse potrebbero essere a loro volta attivati integralmente solo per alcune province e città, lasciando meno restrizioni alle altre.

Zona Arancio, semi Lockdown.

Altre Regioni invece vedranno un semi-Lockdown ovvero misure di lockdown intermedie e selettive.

L’idea, dichiarata già da alcune settimane, è quella di proporre soluzioni modulari in base alla tipologia di situazione che ogni singola realtà presenta.

Sotto la lente dell’ultimo report ben 11 regioni, che erano descritte a “rischio elevato”, da una parte per i numeri ricavati dai 21 indicatori, dall’altra per una raccolta dati in alcuni casi ritenuta poco affidabile.

Sono Abruzzo (Rt 1,4), Basilicata (Rt 1,04), Calabria (Rt 1,66), Liguria (Rt 1,54), Lombardia (Rt 2,09), Piemonte (Rt 2,16), Puglia (Rt 1,65), Sicilia (Rt 1,42), Toscana (Rt 1,41), Valle d’Aosta (Rt 1,89) e Veneto (Rt 1,46).

Scuola e Università.

La zona rossa prevede la chiusura di scuole e università, con attivazione di lezioni a distanza per il 100% delle ore.

Trasporti.

Il trasporto pubblico sarà organizzato con l’abbattimento del 50% dei posti disponibili sui mezzi e si cercherà di aumentare i mezzi in circolazione.

Lo spostamento tra regioni e province sarà regolamentato in base alla zona in questione.

Commercianti.

I commercianti potrebbero subire l’imposizione di chiusure totali o parziali (con aperture ad orario e giorni limitati). Le soluzioni saranno adottate localmente o in base alla zona, difficilmente ci saranno soluzioni definitive all’interno di questo DPCM.

Coronavirus: come riconoscere i sintomi e come si trasmette.

Comitato di Redazione
Servizio Redazionale.
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394