histats.com
venerdì, Settembre 24, 2021
Pubblicità
HomeStudentiCdL in InfermieristicaCorsi di Laurea Infermieri e Professioni Sanitarie da rivedere. Zega (OPI Lazio)...

Corsi di Laurea Infermieri e Professioni Sanitarie da rivedere. Zega (OPI Lazio) scrive a Zingaretti.

I Corsi di Laurea per Infermieri e Professioni Sanitarie vanno rivisti e programmati diversamente per accogliere più Infermieri e più Professionisti Sanitari nel mondo del lavoro. Lo chiedono gli OPI del Lazio.

Il presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma, Maurizio Zega, a nome e per conto del Coordinamento regionale degli OPI laziali, chiede al Governatore regionale Nicola Zingaretti e al suo assessore alla sanità Alessio D’Amato, di ripensare ai futuri Corsi di Laure delle Professioni Sanitarie alla luce di quanto avvenuto nel corso della Pandemia Covid-19 ancora in essere.

Chiaro il punto di vista di Zega: gli Infermieri e gli esponenti delle Professioni Sanitarie cugine in circolazione in Italia sono pochi, è arrivato il momento di prevedere un incremento dei posti a disposizione nei già citati CDL. Ecco cosa propongono gli OPI laziali nello specifico.

La lettera di Zega (OPI Roma).

Egr. Presidente Nicola Zingaretti
Giunta Regionale del Lazio

Egr. Assessore Alessio D’Amato
Assessorato​ Sanità e Integrazione
Socio-Sanitaria​ Regione Lazio

Roma, 4 febbraio 2021

Oggetto: RIPROGRAMMAZIONE​ POSTI CORSI DI LAUREA NECESSARI A SODDISFARE IL FABBISOGNO DI INFERMIERI E RIATTIVAZIONE DEI FINANZIAMENTI DEDICATI.

Gentilissimi,

​la pandemia da Sars-Cov-2 sta evidenziando ancor più marcatamente la​ grave carenza di personale infermieristico esistente nel nostro Paese e in particolare nel Lazio. Una crisi che si trascina da anni, ma che l’attuale emergenza sanitaria rende manifesta in tutta la sua drammaticità.​

Numerosi studi internazionali mostrano come la scarsa dotazione di infermieri pone a rischio la sicurezza dei pazienti e influisce significativamente sulla qualità delle cure e sulla​ mortalità​ (Aiken LH et al.​ Nurse staffing and education and hospital mortality in nine European countries: a retrospective observational study.​ The Lancet. 2014).

I cospicui arruolamenti avvenuti nelle strutture sanitarie pubbliche della nostra regione nel corso dell’ultimo anno hanno determinato, oltre all’esaurimento dei professionisti abilitati disponibili, un forte depauperamento degli organici in molte strutture sanitarie convenzionate, soprattutto nelle Rsa. Molte di queste provano inutilmente a​ rimpiazzare​ i professionisti assunti nelle strutture pubbliche rivolgendosi a cooperative, agenzie di lavoro interinale, studi associati, tentando anche di arruolare infermieri dall’estero, peraltro con esiti assai scarsi.

In tale scenario, gli organismi di rappresentanza professionale sollecitano da anni il Ministero, e di conseguenza le Università, affinché si formi un numero molto più elevato di infermieri per coprire il crescente fabbisogno.

Alla luce di quanto esposto,​ si chiede alla Regione Lazio di invitare le Aziende Sanitarie sede di corsi di Laurea in Infermieristica ad aumentare i posti disponibili già dal prossimo Anno Accademico e ad attivare nuove sedi sul territorio​ in tutte quelle strutture previste dalla normativa vigente. A tal fine si rende necessario​ riattivare i finanziamenti dedicati previsti dall’Art. 8 del “Protocollo d’intesa tra Regione Lazio ed Università per il funzionamento e l’attivazione dei Corsi di Laurea triennali delle Professioni Sanitarie” del 2007, che prevede il trasferimento dei fondi alle amministrazioni degli enti sede dei corsi per la copertura degli oneri finanziari connessi ad alcune voci di spesa. Proprio per ragioni economiche, tali enti hanno infatti rinunciato a chiedere le convenzioni o addirittura negli anni hanno chiesto la risoluzione degli accordi chiudendo sedi formative. Inoltre sarebbe necessario provvedere ad una riqualificazione delle sedi formative esistenti anche in termini di strutture e personale. Infatti gran parte delle sedi di formazione universitaria ormai da anni non prevedono per vincoli di bilancio alcun intervento. Si fa presente che​ solo nel 2008​ sono stati previsti dei rimborsi​ una tantum​ alle aziende, a copertura degli anni 1998-2006. Poi più nulla.

È evidente quindi che, se non si prevede un intervento immediato che possa dare alle aziende e strutture sanitarie un incentivo e un sostegno per il potenziamento della rete formativa nel tempo, non si potrà che assistere ad una lenta ma inevitabile riduzione del numero dei formandi nella nostra Regione, rendendo difficile raggiungere gli standard numerici e qualitativi richiesti non solo dagli istituti di ricovero, ma soprattutto dal territorio che, come previsto e dimostrato, rappresenta il futuro della sanità regionale e nazionale.

Si segnala infine, con grande preoccupazione, che, anche adesso, molte delle sedi formative regionali risentono fortemente dei tagli al personale assegnato e alla manutenzione delle strutture messe a disposizione degli studenti.

Confidando in un positivo riscontro, si conferma la piena disponibilità ad ogni utile confronto e collaborazione e si porgono.

Cordiali saluti.

Il presidente dell’OPI di Roma – Dott. Maurizio Zega

Per il Coordinamento Regionale Ordini Professioni Infermieristiche del Lazio

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394