Pubblicità

Emergenza Coronavirus e prove di crisi politica. Matteo Renzi (Italia Viva) contro Giuseppe Conte (Premier, M5S): “l’Italia occupata dai tecnici, DPCM anticostituzionale”.

Duro affondo di Matteo Renzi (leader di Italia Viva) nei confronti di Giuseppe Conte (Premier vicino al Movimento 5 Stelle) e al Governo da lui rappresentato. Per l’ex-primo ministro ed ex-segretario del Partito Democratico l’ultimo DPCM sarebbe un insulto alla democrazia e un mettere l’Italia nelle mani di tecnici che non pensano all’occupazione.

Renzi parla dell’ultimo DPCM definendolo “uno scandalo costituzionale”. Lo fa nel corso di un’apposita intervista rilasciata al quotidiano Repubblica.

“Non possiamo calpestare i diritti costituzionali. Trasformiamolo in un decreto e portiamolo in Parlamento; è un errore politico, economico e costituzionale. Politico perché delega al comitato tecnico scientifico una scelta politica: contemperare i rischi” – spiega Renzi, che utilizza di questa intervista per darsi un po’ di visibilità e darla al suo movimento.

In autunno ci sarà “una carneficina di posti di lavoro”, mentre la mancata regionalizzazione della Fase 2 “è una scelta sbagliata”.

E’ forse il preludio ad una crisi politica in piena Emergenza Coronavirus? Vedremo.