Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Il Premier Giuseppe Conte risponde alla missiva dell’Infermiera Michela Venturi, che nei giorni scorsi aveva rifiutato i cento euro in più sullo stipendio per la lotta al COVID-19: “quello che mi hai scritto mi ha colpito e ne terrò conto”.

Il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, ha ringraziato pubblicamente la giovane infermiera dell’ospedale di Senigallia, Michela Venturi, che ha avuto il coraggio di scrivergli e di rifiutare le 100 euro di aumento alla categoria per la guerra al COVID-19.

“E’ un’emergenza senza precedenti per l’Europa e il mondo intero”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte intervenendo in Aula alla camera sulla crisi causata dalla pandemia del Coronavirus. “Adesso è l’ora della responsabilità’ ha spiegato.

“Non ho ancora avuto modo di rispondere personalmente a Michela, ma la situazione degli Infermieri mi sta a cuore, lo farò quanto prima; grazie per le parole che hai scritto, ne farò e ne faremo tesoro”.

Coronavirus. Michela, Infermiera, scrive a Conte: “non voglio le 100 euro, noi valiamo molto di più”.

Il grido disperato degli Infermieri in prima linea è finalmente giunto al Governo italiano e la lettera di Michela ha aperto uno squarcio attraverso cui ora si può partire per chiedere il riconoscimento delle competenze, delle spettanze economiche (ferme agli anni ’90) e della professione nella sua totalità.

Grazie Michela Venturi e grazie Giuseppe Conte. Ora si spera che alle parole seguano i fatti.