Infermieri Coordinatori: devono passare ad un livello superiore. Lo chiede FIALS.
Infermieri Coordinatori: devono passare ad un livello superiore. Lo chiede FIALS.
Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Il sindacato FIALS diffida aziende sanitarie di Bologna e Imola: “spostare gli operatori da Reparto a Reparto, da struttura a struttura, li espone al contagio e mette a rischio la salute di tutti”.

La FIALS scende nuovamente in campo per difendere Medici, Infermieri, Ostetriche, OSS e Professioni Sanitarie dagli “spostamenti per Covid-19“, ovvero dalla scelta di trasferire gli operatori da una Unità Operativa all’altra e persino da un Ospedale all’altro. E’ quanto starebbe accadendo a Bologna e Imola. A scendere in campo ancora una volta è il segretario provinciale del sindacato delle autonomie locali e della sanità, Alfredo Sepe.

Sepe ha scritto al Direttore Generale dell’AOSP di Bologna, alla Protezione Civile, ai Nas e al suo studio legale.

Ecco il testo della Diffida.

Spettabili

  • Direttore Generale AOSP Protezione Civile
  • Nas Carabinieri
  • Studio Legale FIALS

Oggetto: Diffida – Modalità Organizzative e Gestionali – Risorse Umane – U.O. COVID – 19.

Spettabile Direttore Generale, riteniamo fortemente inadeguate ed approssimative le misure organizzative e gestionali messe in atto per di contenimento del COVID, misure che potrebbero contribuire alla diffusione del COVID tra gli operatori del Policlinico.

Nello specifico, spostare il personale tra UU.OO./Reparti/Padiglioni/Servizi, non avendolo sottoposto preventivamente a Tampone COVID 19, in caso di positività potrebbe contribuire alla diffusione del Virus, mettendo a rischio anche la salute degli operatori stessi e dei pazienti.

Altra questione Emblematica, è rappresentata dalla creazione ex novo di continue UU.OO COVID – 19; una soluzione organizzativo/gestionale che denota una chiara inesperienza nella gestione delle risorse umane in situazioni emergenziali.

A Nostro avviso, sarebbe opportuno e doveroso, dedicare un PADIGLIONE unico che accolga i pazienti COVID – 19; al fine di contenere la pandemia, limitare il contagio, tutelare gli operatori ed i pazienti, al netto che le Aziende Bolognesi hanno il 30% di personale contagiato ( al netto dei 1000 in tutta Italia).

Con la presente si Intima e Diffida L’Azienda a bloccare con effetto immediato lo spostamento del personale e di intraprendere soluzioni logistiche che favoriscano il contenimento della Pandemia COVID – 19.

Segretario Provinciale FIALS Bologna – Imola
Dott. Alfredo Sepe