Demansionamento: gli Infermieri non ci stanno e la FNOPI prende posizione!
Demansionamento: gli Infermieri non ci stanno e la FNOPI prende posizione!
Pubblicità

Emergenza Coronavirus. A Matera mancano i Dispositivi di Protezione Individuare per gli addetti alle pulizie. Ennesima protesta di Gianni Sciannarella della FIALS.

In data 26 Marzo 2020 abbiamo inviato una nota per evidenziare un grave problema di carenza di dispositivi di Protezione individuale, di attrezzature e di formazione per il personale addetto alle pulizie.

“Nel sottobosco della Sanità vive una categoria di lavoratori che svolgono un lavoro che molto spesso è sottovalutato, sono gli addetti alle pulizie, dipendenti di aziende private, sono i figli delle esternalizzazioni perpetrate negli anni in sanità, sono spesso i figli di un Dio minore, che oggi in pochi considerano, ma solo oggi più che mai fondamentali per evitare il contagio perché a loro spetta il compito di sanificare le strutture sanitarie, lavare pulire sono tutte cose che loro svolgono puntualmente ogni giorno ma oggi anche loro vivono con paura. Loro che come tutti gli operatori sanitari sono anche Madri, padri, mogli, mariti, figli ecc. Loro che in molti casi lavorano con contratti a poche ore, spesso sottopagati ma oggi sono come tutti gli operatori sanitari a rischio contagio perché costretti ad operare con scarsi mezzi” – spiega Gianni Sciannarella della FIALS di Matera.

“La nostra segreteria ha segnalato tutto questo con una nota indirizzata ai datori di lavoro ma anche alla ASM di Matera e alle istituzioni Regionali. Perché se questi lavoratori non vengono messi in condizione di operare al meglio non potranno svolgere questo delicato ed importante ruolo in maniera efficace. La nostra segreteria sin da subito con la nota del 24 febbraio 2020 ha chiesto alla ASM di potenziare il servizio di pulizia e santificazione dei locali ASM” – aggiunge.

“Noi di Fials Matera chiediamo al Governatore della Regione Basilicata Vito Bardi, all’assessore alla sanità Rocco Leone di verificare e rivedere il sistema degli appalti nella nostra regione e pensare alla internazionalizzazione di un servizio di importanza strategica come quello delle pulizie per dare a tutti gli operatori che operano in sanità le stesse garanzie” – conclude Siannarella.