Pubblicità

Perché sono ancora bloccate le assunzioni dal Concorso Oss di Bologna e Imola? La Fials scrive alle aziende sanitarie.

La Fials di Bologna e Imola, mediante il suo segretario Alfredo Sepe, scende in campo a difesa degli Operatori Socio Sanitari in graduatoria al concorso per Oss del circondario sanitario bolognese e imolese.

Lo fa con una missiva indirizzata ai vertici delle aziende sanitarie pubbliche interessate, a cui chiede lumi sui motivi di cotanta lentezza. Eppure si continua a chiamare da agenzie interinali, mentre è in essere una lunga graduatoria riveniente direttamente dalla selezione di cui si è detto.

Centinaia di OSS e con loro le loro famiglie attendono invano da anni di essere chiamati. E ora protestano, chiedendo l’aiuto della Fials.

Ecco la lettera Fials.

Spettabile

  • AOSP Bologna
  • USL Imola
  • Rizzoli
  • USL Bologna

Oggetto : Graduatorie Operatori Socio Sanitari – Permeabilità e Simbiosi – Vincitori di Concorso.

Spettabili Direzioni Generali, alla luce delle criticità di organico relativa alla carenza cronica di operatori socio sanitari nelle Aziende Sanitarie Bolognesi, vista la permeabilità delle graduatorie concorsuali dell’Area Metropolitana, si chiede di attingere OSS dalle Graduatorie non ancora esaurite.

Tale modus operandi darebbe una risposta immediata agli aventi Diritto in attesa di
chiamata che ormai giacciono inermi in attesa del reclutamento, parimente darebbe fiato e
gambe alle unità operative delle nostre Aziende, ormai in affanno da troppo tempo.

La normativa attualmente vigente, correlata alla volontà politica di tali scelte ( chiamare da
altre graduatorie) sarebbe la strada più veloce da percorrere, anche dal punto di vista economico patrimoniale, legato a doppio filo con il piano assunzioni dettato dalla RER e plasmato sotto il profilo endogeno da ogni singola Azienda in indirizzo
Il solco ormai sembra tracciato, la via definita chiaramente, bisogna solo attivare la cosiddetta simbiosi tra graduatorie, unica risposta rapida e veloce ai bisogni delle Aziende Sanitarie, che in questo frangente non hanno altre scelte per soddisfare i bisogni clinico assistenziali dei cittadini ed alleviare i carichi di lavoro degli altri professionisti che prestano la propria opera clinico/intellettuale nel SSR.

In attesa di riscontro, si porgono distinti saluti.

Dott. Alfredo Sepe
Segretario Generale Provinciale FIALS Bologna/Imola