histats.com

Blocco Operatorio Cona-Ferrara: fallita conciliazione in prefettura, Infermieri e OSS sul piede di guerra.

Blocco Operatorio Cona-Ferrara: fallita conciliazione in prefettura, Infermieri e OSS sul piede di guerra.

La FIALS di Ferrara scende nuovamente in campo per difendere Infermieri ed OSS della Piastra Operatoria di Cona. E scrive nuovamente al sindaco.

Non si arrende Mirella Boschetti, segretaria provinciale della FIALS di Ferrara, che continua a battersi a favore dei lavoratori della Piastra Operatoria di Cona. Fallito il tentativo di conciliazione in prefettura, ora la sindacalista torna a scrive al primo cittadino ferrarese. E annuncia lo sciopero generale. Vediamo cosa scrive.

Al Sindaco Dr. A. Fabbri
 Comune Ferrara

OGGETTO: RICHIESTA INCONTRO INERENTE LE CRITICITA’ NELLE SALE OPERATORIE DI CONA, FALLITO IL TENTATIVO DI CONCILIAZIONE PRESSO LA PREFETTURA DI FERRARA DEL 6-11-2019.

Egregio Sindaco, con lettera del 25-10-2019, la FIALS informava la SV , in merito al persistere di criticità che da tempo interessano la Piastra Operatoria di Cona e specificatamente il BLOCCO 24 . 
Con la presente, la FIALS chiede alla SV un incontro A SEGUITO DELL’ESITO NEGATIVO del tentativo di conciliazione esperito presso la Prefettura di Ferrara, in data 6-11-2019. 
La FIALS ha indetto un’ASSEMBLEA dei lavoratori In data 22 NOVEMBRE 2019, per valutare insieme quali azioni da intraprendere, inclusa la DICHIARAZIONE DI SCIOPERO.

Preoccupa la totale chiusura manifestata dal Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero- Universitria di Ferrara nei confronti delle legittime e concrete istanze dei professionisti del blocco chirurgico 24, (56 circa tra infermieri ed OSS).
Un Direttore Generale che si è profuso, in sede di conciliazione, nell’autoelogio, quale risanatore della situazione economica dell’AOSP, materia non all’ordine del giorno, né messa in discussione.
Un Direttore Generale, che ha reagito in modo piccato, alle legittime osservazioni e richieste dei lavoratori quale atto, ad avviso della scrivente, di “lesa maestà”.
Un Direttore Generale che ai dati oggettivi contrappone dati statistici incentrati sulle medie e allargati alla totalità degli operatori della piastra chirurgica, 118 unità, “se non convinci, confondi”.
Un comportamento di chiusura che va ulteriormente ad aggravare e ad appesantire il clima lavorativo che vede, oltre all’ansia ed al disagio delle condizioni di lavoro, crescere anche il malumore tra i professionisti coinvolti.
Le cause del crescente disagio lavorativo, sono ascrivibili all’ oggettivo e, non supposto incremento delle sedute operatorie settimanali per il BLOCCO OPERATORIO N. 24, disposto con nota prot. 11951 del 13-5-2019 a partire dal 3 giugno 2019 e l’incremento degli interventi multiorgano e multitessuto, da sostenere a parità di organico, con ritardi nell’incremento della dotazione degli OSS, su cui ricadono 72 turni di Pronte Disponibilità suddivisi su 10 operatori, con infermieri cessati, “sostituiti all’ultimo minuto”, quando per l’acquisizione delle necessarie competense servono molti mesi, con 1 infermiere a tempo determinato in scadenza, con infermieri costretti al cambio di setting chirurgico durante il medesimo turno di lavoro, ”dove c’è bisogno”, con variazioni frequenti della programmazione delle sedute operatorie “programmate”, ecc. 
Criticità, quelle succitate che amplificano criticità preesistenti che si trascinano dal 2016, specificate nel VERBALE DI SINTESI dell’incontro sindacale del 12-5-2016, susseguente al tentativo di conciliazione del 4-5-2016 presso la Prefettura di Ferrara e, sottoriportate: 
1- applicazione del vigente Regolamento della Piastra Operatoria 
2- Necessità di verifica della programmazione degli interventi chirurgici
3- monitoraggio delle Pronte disponibilità presenti ai fini di un’equa distribuzione dei turni medesimi.
In attesa di un positivo riscontro, si porgono distinti saluti.

Segretaria Generale Provinciale FIALS Ferrara
Mirella Boschetti

Avatar

Redazione

Servizio Redazionale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394