Pubblicità

L’Assistenza Domiciliare Integrata a Brindisi deve essere reintegrata e gli OSS devono avere un ruolo di peso. Lo chiede l’SHC.

Gli Operatori Socio Sanitari (OSS), tramite il sindacato SHC e il segretario regionale Antono Squarcella, chiedono la riattivazione d’urgenza dell’Assistenza Domiciliare Integrata a Brindisi. L’organizzazione sindacale ha scritto al direttore generale Giuseppe Pasqualone e al Governatore pugliese Michele Emiliano.

Ecco la lettera di Antonio Squarcella (SHC) al Diretto Generale dell’ASL di Brindisi e al Governatore pugliese Michele Emiliano.

Allʼattenzione

Dott. Giuseppe Pasqualone
Direttore Generale ASL Brindisi

Oggetto: Richiesta di Integrazione servizio ADI Brindisi.

Gentile Dott. Pasqualone, la scrivente O.S. di categoria OSS vuol porre la Sua cortese attenzione sulla contingenza correlata agli Operatori Socio Sanitari coinvolti nel servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Comunale di Brindisi.

Le difficoltà che quotidianamente vivono questi lavoratori sono innumerevoli, basti pensare che per ben 3 mesi sono stati vincolati dal blocco permanente dal lavoro per mancanza di DPI (Dispositivi di Protezione Individuale). In questo periodo il personale avvierà nuovamente il servizio ritrovandosi anche con un ulteriore ribasso dellʼorario lavorativo rispetto a quello prefissato contrattualmente (2 ore lavorative sulle 30 previste).

Riteniamo giusto e doveroso che globalmente tali servizi vengano integrati dalle Asl, e che tutti i lavoratori debbano avere un riconoscimento economico e contrattuale. La necessità che queste figure siano unificate e riconosciute dalla ASL farebbe si che anche il mansionario sia lo stesso e che finalmente i lavoratori vengano stabilizzati dopo oltre 10 anni di lavoro part time rimbalzati da una Cooperativa ad unʼaltra senza mai una crescita
professionale e personale.

Certi dellʼattenzione e della sensibilità al tema in questione in attesa di riscontro si coglie lʼoccasione per porgere i più cordiali saluti.

Il Segretario Regionale SHC PUGLIA
f.to Antonio Squarcella