Apre Ambulatorio Infermieristico Pubblico a Bologna, ma i sindacati non vengono avvisati.

Apre Ambulatorio Infermieristico Pubblico a Bologna, ma i sindacati non vengono avvisati.

Alfredo Sepe (FIALS) protesta per il non rispetto delle regole di che disciplinano le relazioni sindacali.

La FIALS di Bologna scende in campo per denunciare l’ennesima violazione del sistema delle relazioni sindacali. Lo fa in occasione dell’annunciata apertura di un Ambulatorio Infermieristico dell’ULS di Bologna presso la Casa della Salute San Vitale / San Donato. Lo annuncia ad AssoCareNews.it il segretario provinciale del sindacato delle autonomie locali e della sanità Alfredo Sepe, che nei giorni scorsi ha trasmesso una apposita nota di protesta al Direttore Generale dell’Unità Sanitaria Locale.

Sepe si lamenta per il non rispetto delle elementari norme sindacali sancite dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 2016/2018 e sottoscritte anche dalla FIALS a livello centrale e decentrato. L’apertura dell’Ambulatorio Infermieristico dovrebbe avvantaggiare gli utenti che ne usufruiranno e nel contempo gli Infermieri che volessero “arrotondare” le entrate mensili. Sarà così? Vedremo, intanto la FIALS minaccia rottura e il ritiro della firma sugli accordi sindacali maggiori.

* * *

Ecco la lettera della FIALS.

Direzione Generale USL Bologna

Lavoratori Coinvolti

Oggetto: Casa della Salute San Vitale /San Donato – Violazioni Sistema Relazioni Sindacali Nuovo CCNL 2016/2018.

In premessa, è necessario rammentare che il sistema delle relazioni sindacali è lo strumento per costruire relazioni stabili tra Azienda o Ente e soggetti sindacali, improntate alla partecipazione consapevole, al dialogo costruttivo e trasparente, alla reciproca considerazione dei rispettivi diritti ed obblighi, nonché alla prevenzione e risoluzione dei conflitti.

E’ sulla scorta delle considerazioni succitate, che assistiamo all’ennesima violazione del dettato contrattuale inerente le relazioni sindacali, a nostro avviso sempre meno Eque e Trasparenti (chiaramente sbilanciate verso altri sindacati).

Nello specifico, ci risulta che agli inizi di Maggio inizierà l’attività dell’ambulatorio infermieristico (domenica e festivi) presso la Casa della Salute succitata, con un assegnazione di cd. ore di straordinario pesante, a cui i dipendenti potranno aderire su base volontaria.

Di tale dinamica non è stata data nessuna informazione alle OO.SS. ed alla RSU, non è stato aperto il cd. confronto tra le parti, non è stato possibile discutere dell’organizzazione del lavoro, del personale, dei turni di lavoro, di tutti gli argomenti che le organizzazioni sindacali ritengono di voler parlare al tavolo delle trattative.

Un atteggiamento che offende le rappresentanze dei lavoratori, non rispetta il contratto collettivo nazionale di lavoro e di riflesso anche gli operatori dell’Azienda USL di Bologna.

Visto l’atteggiamento dell’Azienda USL di Bologna, come O.S. che rappresenta il 35% dei Lavoratori in Azienda, stiamo seriamente pensando di rompere le relazioni sindacali e ritirare la firma sugli Accordi di Maggior Rilevanza in Azienda.

Dott. Alfredo Sepe – Segretario Provinciale FIALS Bologna

Potrebbe interessarti...