histats.com
lunedì, Aprile 22, 2024
HomePrimo PianoCronacaSi spacciava come Infermiera, ma non lo era. Licenziata donna dopo essere...

Si spacciava come Infermiera, ma non lo era. Licenziata donna dopo essere stata scoperta dai Carabinieri.

Pubblicità

Accaduto a Grosseto in Toscana. Si spacciava come Infermiera, ma non lo era. Licenziata donna dopo essere stata scoperta dai Carabinieri.

Lavorava come Infermiera e per tutti era una bravissima professionisti. Peccato non fosse iscritta all’Ordine delle Professioni Infermieristiche, nel suo caso quello di Grosseto. Una donna è stata scovata grazie alla paziente indagine dei Carabinieri NAS. Era stata cancellata dall’Albo qualche tempo fa.

L’ex-collega operava fino a qualche giorno fa in una azienda privata della provincia grossetana. I carabinieri, dopo un controllo, hanno voluto vederci chiaro e hanno scoperto che appunto non era più iscritta all’OPI.

Il presidente provinciale dell’Albo delle professioni infermieristiche, Nicola Draoli, venuto a conoscenza dell’accaduto, ha subito riconosciuto alle forze dell’ordine la loro tenace azione investigativa: “ringraziamo i Nas per aver riscontrato la mancata iscrizione all’albo di questa persona che si spacciava per infermiera; ringraziamo l’Arma per essersi immediatamente messa in contatto con Opi Grosseto per tutte le verifiche del caso”.

“Si può verificare chi è iscritto o meno. Non sappiamo se la collega fosse in buona o cattiva fede. Per noi è complicato comunicare con le aziende visto che gli infermieri non sono costretti a comunicare il datore di lavoro all’albo. Devono specificare solo la partita iva. Sta al titolare dell’attività controllare se il lavoratore è iscritto o meno. Se non c’è controllo da parte dell’azienda, poi rimane solo quello delle forze dell’ordine” – aggiunge Draoli.

“Era da anni che sul nostro territorio non registravamo l’esercizio abusivo della professione, per fortuna è un evento molto raro. Questo episodio, non solo dimostra l’ottima collaborazione che c’è tra istituzioni ci permette anche di ricordare che la consultazione dell’albo dell’Ordine è pubblica e molto semplice. Chiunque può verificare se l’infermiere ha o meno i requisiti necessari alla professione. Sul nostro sito www.opigrosseto.it o sul sito della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche www.fnopi.it. La trasparenza sul possesso dei requisiti è un elemento che tutela i cittadini. «La verifica non va sottovalutata perché permette con certezza di capire se chi si occupa della cura e dell’assistenza è titolato a farlo e in regola con gli adempimenti previsti” – conclude il presidente toscano.

_________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394