histats.com

Sergio Venturi fu radiato da Ordine dei Medici, ma fu atto persecutorio. 9 colleghi a giudizio.

Sergio Venturi fu radiato da Ordine dei Medici, ma fu atto persecutorio. 9 colleghi a giudizio.

Ben 9 Medici sono ora indagati per atti vessatori nei confronti di Sergio Venturi, assessore regionale alla sanità dell’Emilia Romagna, che era stato radiato dall’Ordine dei Medici. Diede “spazio” agli Infermieri in Ambulanza.

Ne danno notizia i colleghi de Il Resto del Carlino che parlano sulle loro cronache di nove medici sotto inchiesta per abuso d’ufficio in concorso. Facevano parte della commissione disciplinare dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Bologna che radiò l’assessore regionale dell’Emilia Romagna Sergio Venturi dalla stessa OMCeO.

Non è indagato il presidente dei medici bolognesi Giancarlo Pizza.

Nello spinoso caso della radiazione l’«iniziativa disciplinare» è stata considerata «dimostrativa della volontà intenzionale di discriminare e vessare il soggetto passivo, per ragioni diverse da quelle rese palesi in sede di contestazione disciplinare». Non c’è, fra loro, il presidente dell’Ordine Giancarlo Pizza, che non presenziò alla commissione che decise la radiazione.

Il tema è la decisione della commissione disciplinare dell’Ordine dei medici che il 30 novembre 2018 deliberò la radiazione dall’albo di Venturi per una delibera di viale Aldo Moro che consentiva la presenza a bordo delle ambulanze dei soli infermieri specializzati.

Necessario rinvio a giudizio.

Il Procuratore capo Giuseppe Amato e il pm Flavio Lazzarini non hanno dubbi nella loro richiesta di rinvio a giudizio: i commissari agirono «violando i principi di imparzialità e buona amministrazione, imposti loro dai principi costituzionali e operando in palese carenza di potere (incompetenza) e in evidente eccesso di potere, trattandosi di censura non di un comportamento deontologicamente scorretto di un sanitario, bensì dell’adozione di un provvedimenti di natura squisitamente politica».

Così facendo, facendogli cioè subire la massima sanzione disciplinare, provocarono a Venturi «un ingiusto danno» per quanto fatto nell’esercizio della propria funzione pubblica di assessore alla Sanità. Venturi è infatti persona offesa, così come la Regione Emilia-Romagna: il 5 dicembre si terrà l’udienza davanti al giudice Francesca Zavaglia che deciderà se mandare a processo i nove medici. Nell’udienza preliminare Venturi, che è difeso da Vittorio Manes, deciderà se costituirsi parte civile o meno.

Sul caso tra l’altro la Regione Emilia-Romagna ha presentato ricorso alla Corte Costituzionale, lamentando un’invasione dell’autonomia. E ad Ancona è in corso un procedimento innescato dall’esposto di Pizza e dei componenti dell’Ordine contro il procuratore Amato e il pm Lazzarini.

Venturi si dice “scosso”.

L’Assessore Venturi si dice «ancora scosso da un provvedimento che, ribadisco, giudico vessatorio e abnorme, che mi ha colpito personalmente e professionalmente. Finora su questa vicenda sono rimasto in silenzio, anteponendo il rispetto delle istituzioni coinvolte, tutte, alla tutela della mia persona. Ho deciso subito di non presentare alcun esposto alla Procura e quello che accade oggi deriva dal lavoro e dall’iniziativa autonoma dei magistrati». Adesso «continuerò a seguire in silenzio, ma con la massima attenzione, gli sviluppi della vicenda», prosegue l’assessore Venturi.

Cosa c’entra l’attività politica con quella deontologica del Medico?

Tornando alla richiesta di rinvio a giudizio, Amato e Lazzarini segnalano «l’evidente totale assenza di potere di censurare in sede deontologica una attività svolta nell’esercizio di pubbliche funzioni istituzionali» e «l’unicità dell’iniziativa, rispetto agli altri Consigli di disciplina della Regione, pur in presenza di situazioni analoghe». Una sanzione così grave era stata applicata solo una volta in Emilia-Romagna, ricost ruiscono i magistrati: «In occasione di un medico accusato di omicidio».

Fonte: Il Resto del CarlinoAssoCareNews.it

Avatar

Redazione

Servizio Redazionale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394