histats.com
giovedì, Ottobre 21, 2021
Pubblicità
HomeInfermieri#Segnalailfannullone. Medici, Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie nelle mani degli Amministrativi con...

#Segnalailfannullone. Medici, Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie nelle mani degli Amministrativi con la scusa del Covid-19.

Medici, Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie nelle mani degli Amministrativi con la scusa del Covid-19. Parte l’iniziativa #segnalailfannullone.

La Pandemia Covid-19 sta creando “vittime” anche dal punto di vista della burocrazia e dei rapporti tra dipendenti ed Aziende sanitarie ed ospedaliere pubbliche. Sono migliaia le segnalazioni giunte alla nostra Redazione relative a disservizi delle ASL, ASP e AOSP e IRCCS nei confronti di Medici, Infermieri, Infermieri Pediatrici, Ostetriche, Professioni Sanitarie e altre figure professionali e tecniche operanti nel Sistema Sanitario Nazionale.

#Segnalailfannullone anche tu, scopri qui in basso come fare!

Nasce iniziativa di AssoCareNews.it con l’hashtag #Segnalailfannullone.

Da oggi inizieremo a dare voce a tutti i colleghi che hanno ricevuto disservizi relativi a:

  • permessi previsti dai CCNL;
  • aspettative lavorative;
  • assunzioni per Avvisi Pubblici, Mobilità e Concorsi;
  • cambi alla pari;
  • comandi;
  • stipendi;
  • controlli cedolini;
  • consegne divise e DPI;
  • comunicazioni infortuni;
  • comunicazioni malattie;
  • ed altro.

Prima dell’avvento della Pandemia era già difficile fissare appuntamenti con gli Uffici preposti al personale, alle assunzioni e agli stipendi (o semplicemente chiedere informazioni telefoniche), da febbraio 2020, con l’avvio della crisi sanitaria in atto il fenomeno dei “fannulloni” si è amplificato fino a raggiungere percentuali del 100% (come accade per la storia di una collega Infermiera che racconteremo questa sera).

Vi chiediamo di segnalarci ogni inadempimento o disservizio registrato a vostro carico dal febbraio 2020 ad oggi, in modo da iniziare a rendere visibile quello che è noto, ma che nessuno dei nostri quotidiani concorrenti ha il coraggio di raccontare (scriveteci pure a [email protected] o mandateci un messaggio WhatsApp al 3474376756 iNDICANDO L’HASHTAG #SEGNALAILFANNULLONE).

Daremo spazio, anche attraverso l’uso dell’anonimato, alle vostre storie e alle vostre battaglio contro un muro di gomma che sembra veramente invalicabile.

In tal modo potremo sollecitare direttamente le Federazioni ordinistiche, le associazioni di categoria, i sindacati e le stesse Aziende sanitarie, ospedaliere e socio sanitarie attraverso gli Uffici Relazioni con il Pubblico (URP) a farsi portavoce dei disservizi registrati presso il Governo di Mario Draghi e i ministeri competenti (Salute, Lavoro e Pubblica Amministrazione).

Già in passato la nostra testata si era occupata di una iniziativa simile, dall’hashtag inequivocabile: #Segnalachidorme. Ora vogliamo dar spazio a chi spazio non riesce a ricevere con la scusa di una emergenza sanitaria che ha incrementato le distanze tra chi è proposto a rispondere e chi chiede risposte.

Con la scusa del Coronavirus è più faci oggi contattare i Dirigenti aziendali che gli addetti ai servizi basilari.

Provate anche voi a contattare un ufficio tramite:

Quel telefono che squilla di continuo e a cui nessuno osa rispondere. #Segnalailfannullone anche tu!
Quel telefono che squilla di continuo e a cui nessuno osa rispondere. #Segnalailfannullone anche tu!

  • telefono fisso;
  • PEC;
  • e-mail istituzionale;
  • piccione viaggiatore.

Vi risulterà una impresa impossibile, vi sembrerà di scalare una montagna senza fine e quando vi sembrerà di essere arrivati finalmente alla meta tutto ricomincerà da capo e sarete costretti a richiamare e a riscrivere.

Per finire, sempre con la scusa della Pandemia e con l’avvento dello smart working gli Amministrativi che lavorano da casa non forniscono il loro cellulare e contattarli con altri mezzi è praticamente impossibile.

Per questo da febbraio 2020 ci sono code infinite fuori dalle Aziende di persone che cercano di capire chi, come e quando contattare, nell’attesa di veder risolto il suo problema contingente, che spesso rischia di diventare cronico e quasi “normale”.

Non vi resta che andare a citofonare direttamente a casa dei dipendenti, così almeno sarete sicuri di avere un contatto diretto e sperare in opportune risposte!

#Segnalailfannullone anche tu!

PS = Per i disservizi ricevuti ricordatevi di segnalare tutto puntualmente all’URP e al Direttore Generale dell’azienda tramite PEC o lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.

Scripta manent, verba volant!

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

6 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394