histats.com
martedì, Aprile 16, 2024
HomeInfermieriRiccardo, Infermiere: "è vero, meglio tornare a fare il cameriere, guadagnavo fino...

Riccardo, Infermiere: “è vero, meglio tornare a fare il cameriere, guadagnavo fino a 2600 euro netti al mese”.

Pubblicità

Ci scrive Riccardo, Infermiere: “è vero, meglio tornare a fare il cameriere, guadagnavo fino a 2600 euro netti al mese e mi trattavano da professionista”.

Carissimo Direttore,

quello che ha raccontato la collega Marisa corrisponde purtroppo al vero. Anche io mentre studiavo per Diventare Infermiere lavoravo come cameriere in Veneto presso un noto Ristorante di Treviso. Guadagnavo bene, fino a 2600 euro netti tra stipendio e mance. Ma avevo un sogno, fare l’Infermiere, prendermi cura di chi stava male, diventare un punto di riferimento per la società.

Nessuno all’Università ci ha mai spiegato com’era veramente il mondo del lavoro nella sanità pubblica e privata. Nessuno ci ha mai detto che gli stipendi erano da fame, che era impossibile far carriera e che eravamo gli ultimi della classe, personale di supporto di fatto a tutte le altre categorie professionali.

Al Corso di Laurea in Infermieristica ci hanno raccontato una professione che non esiste, che forse esisterà in futuro, ma che oggi è lontana anni luce da ciò che i nostro docenti ci raccontavano.

Non siamo considerati da nessuno. I Medici ci manovrano come vogliono, gli OSS cercano di prendersi il nostro lavoro, la Dirigenza Infermieristica fa solo gli interessi delle Direzioni aziendali. Per non parlare poi dei sindacati, utili solo a far baldoria quando si vota per le RSU o per avere qualche incarico di funzione in più.

Sono stanco e deluso. Sto pensando seriamente di tornare a fare il cameriere.

Ci hanno promesso stipendi e contratti migliori, l’ARAN invece, complici sempre gli inutili sindacati, ci ha proposto un CCNL peggiorativo. E nel privato siamo tornati anni indietro: l’esempio di Marisa è emblematico e in Veneto accade ancora peggio. Qui agli OSS viene chiesto di fare l’Infermiere e all’Infermiere di starsene in silenzio e di prendersi responsabilità spesso al limite del penale.

Eppure nessuno indaga, nessuno protesta. Tutti sanno e nessuno interviene.

E’ l’Italia delle tre scimmie, quella che non vede, non sente e non parla.

Grazie.

Riccardo S., Infermiere ed ex-cameriere pentito

Leggi anche:

Marisa, Infermiera: “guadagno 1000 euro in RSA e dovrei essere felice? Torno a fare la cameriera a 2000 euro al mese”.

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394