Pubblicità

Polemiche in Lombardia per l’affidamento del Pronto Soccorso di Varese all’Università dell’Insubria. Il sindacato dei Medici Anaao Assomed punta il dito contro delibera dell’ASST Sette Laghi.

L’attribuzione del Pronto soccorso all’Università dell’Insubria non è regolare. Ne è convinto il principale sindacato dei medici ospedalieri Anaao Assomed che si è rivolto al Tar della Lombardia per fare chiarezza sulla delibera dell’Asst Sette Laghi che assegna la direzione del PS al professor Ageno. A renderlo noto il portale Varesenews.it.

In particolare il sindacato contesta l’assegnazioni senza alcuna selezione concursuale: “Come già avvenuto per l’ASST Lariana, il più rappresentativo sindacato della dirigenza medica si oppone con forza alla clinicizzazione dei reparti più ambiti dei grandi ospedali lombardi”.

L'interno del Pronto Soccorso di Varese (Foto Varesenews.it).
L’interno del Pronto Soccorso di Varese (Foto Varesenews.it).

“Questa prassi è in buona sostanza l’assegnazione ‘ope legis’ di una struttura complessa a un professore universitario senza alcuna selezione e, spesso, senza alcuna compenetrazione tra esperienza del singolo, la cui professionalità e valenza scientifica non sono in discussione, e attività della struttura stessa. In altre parole può succedere che a essere nominato direttore può
essere una persona che in quella tipologia di reparto non ha mai svolto alcun turno. I medici ospedalieri hanno da sempre donato professionalità, competenza, impegno e anche qualità ai nostri ospedali, pertanto è inaccettabile leggere nella delibera che la suddetta iniziativa è coerente con l’obiettivo, condiviso da entrambe le istituzioni (ASST e Università, ndr), di sviluppare le attività nel senso di una sempre più qualificata risposta alle esigenze dei cittadini, da un lato, e di attenzione, dall’altro, alla crescita di un sempre maggiore livello scientifico complessivo. Quasi che solo in questo modo sia possibile elevare il livello della struttura, cosa che evidentemente non è stato possibile fare sinora” – chiosano da ANAAO-ASSOMED Lombardia.

“ANAAO-ASSOMED Lombardia, da sempre al fianco dei colleghi ospedalieri, continuerà in questa battaglia di principio, augurandosi ovviamente che anche i giudici amministrativi siano dello stesso avviso” – concludono dal sindacato.

Su Facebook l’Asst Sette Laghi ha risposto: “Lasciando ovviamente che sia il TAR ad esprimersi sulla legittimità dell’atto, fa piacere vedere ribadito ancora una volta il valore del professionista scelto per dirigere un servizio delicato e strategico come il Pronto Soccorso di Varese: in un sistema meritocratico è l’unica cosa che conta al fine del perseguimento di interessi generali.
Ed è proprio quello che all’interno dell’Azienda è risultato evidente da subito, come dimostra il fatto che la proposta di assegnare all’Università la Direzione del Pronto Soccorso è stata approvata all’unanimità non solo dal Collegio di Direzione, ma anche dal Consiglio dei Sanitari, organismo che rappresenta tutti i professionisti sanitari dell’ASST dei Sette Laghi”.