histats.com
lunedì, Aprile 15, 2024
HomeIn evidenzaPer il Messaggero Veneto non vi è alcuna distinzione tra Badanti e...

Per il Messaggero Veneto non vi è alcuna distinzione tra Badanti e Infermieri. Ed è polemica sui social.

Pubblicità

Il Messaggero Veneto confonde gli Infermieri con le Badanti. Ed è polemica sui social. A cosa serve la laurea se basta un corso professionalizzante per diventare esperti in infermieristica?

Il titolo del Messaggero Veneto “Un po’ domestiche e un po’ infermiere, merito della scuola per colf e badanti di Pordenone: nasce così l’assistente familiare 4.0“ fa infuriare gli Infermieri sui sociali e scaturire una serie infinita di segnalazioni agli Ordini delle Professioni Infermieristiche delle varie aree geografiche interessate dal servizio.

La notizia riguarda la creazione di un nuovo profilo professionale, ovvero quello dell’Assistente Familiare, che sarebbe stato formato dalla scuola per colf e badanti di Pordenone dove in classe vengono insegnate tutte le competenze necessarie: dalla cura dell’anziano a quella degli animali domestici, fino ai rapporti con i parenti. Tuttavia, i sanitari hanno sollevato delle preoccupazioni riguardo al titolo usato e alla comparazione, con massimo rispetto invece verso questa nuova formazione e l’importante ruolo di colf e badanti.

Credo sia giusto chiamare le cose con i propri nomi, senza togliere nulla alle badanti e alle colf, ma Infermiera è tutt’altra cosa” – si legge tra i commenti alla notizia pubblicata anche sui social.

Ed non è tutto. In un post si legge che “Un po’ domestica e un po’ infermiera non si può sentire, ma stiamo scherzando? Un conto è fare la domestica (lavoro dignitoso per carità ) tutt’altra cosa è fare l’infermiere e lo dico da operatrice socio sanitario che sono”. Ed ancora: “Da sanitario mi vergogno, per la comparazione tra domestica e infermiere. Per fare un po’ l’infermiere’ ci vuole un ‘pochino di laurea’, solo in Italia la professione infermieristica può essere sminuita a tali livelli accreditando titoli e mansioni a chiunque”.

Gli Infermieri arrabbiati hanno sottolineato che il percorso di studio di un professionista in Infermieristica: Laurea triennale, Laurea magistrale, Master di I e II livello, Dottorato di Ricerca. Il percorso universitario non può essere paragonato a quello di un assistente familiare (anche se 4.0!), che viene formato in un corso di formazione di breve durata, tantomeno accostare il termine “infermiera” alla parola “badante”.

Chi è l’Infermiere?

Diventare Infermieri ed Infermieri Pediatrici.

L’articolo contestato.

_________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

Dott.ssa Francesca Ricci
Dott.ssa Francesca Ricci
Francesca Ricci è una web-writer esperta in ambito sanitario. Da anni si occupa di questioni sociali, politica ed economia.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394